A- A+
Juventus News
Cancro al seno, scoperti geni che predicono metastasi. CANCRO AL SENO NEWS

Cancro al seno, scoperti geni che predicono metastasi. CANCRO AL SENO NEWS

Tumore al seno, scoperti geni di “firma molecolare” per predire il rischio metastasi. Cancro al seno la scoperta

Cancro al seno, scoperti geni che predicono metastasi - La firma molecolare

Il tumore al seno lascia una 'firma molecolare' che permette di predire il rischio individuale di sviluppare metastasi, così da definire per ogni paziente trattamenti super personalizzati. La firma molecolare è stata scoperta da un gruppo di scienziati dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) e dell'università Statale di Milano, in uno studio finanziato dall'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) e pubblicato sulla rivista 'EBiomedicine' del gruppo Lancet.

Cancro al seno e metastasi, i geni che le predicono in alcune neoplasie mammarie

Il team italiano, guidato da Pier Paolo Di Fiore e Salvatore Pece, ha scoperto che una serie di geni particolarmente espressi in alcune neoplasie mammarie consentono di valutare l'entità del 'serbatoio' di staminali tumorali. Cellule che sopravvivono nonostante le normali cure, continuando ad alimentare il cancro con il pericolo che ricompaia successivamente anche in altri organi o tessuti.

"La nuova firma è composta da 20 geni - spiega Di Fiore, direttore Programma Nuovi diagnostici Ieo e professore di Patologia generale all'università degli Studi del capoluogo lombardo - Misura il grado di 'staminalità' presente nel tumore primario, che dipende sia dal numero sia dall'aggressività biologica delle staminali del cancro e cioè delle cellule madri che sono all'origine della malattia e si ritiene siano anche responsabili della formazione di metastasi nel tempo, resistendo ai comuni trattamenti chemioterapici e ormonali”.

 

Metastasi al seno, firma molecolare con geni che predicono il rischio e lo stato del tumore al seno

“Questa firma molecolare - sottolinea l'esperto Di Fiore- rappresenta uno strumento per la stima del rischio metastatico più affidabile dei parametri clinico-patologici che oggi comunemente si utilizzano per determinare la gravità della malattia, prevederne la prognosi e scegliere il percorso terapeutico più adeguato per ogni singola paziente".

Ma cosa distingue la nuova 'firma' dagli strumenti già disponibili? "Il problema principale per cui i comuni parametri clinico-patologici non sono sempre accurati nel predire il reale rischio di metastasi - evidenzia Pece, vice direttore Programma Nuovi diagnostici Ieo e professore di Patologia generale all'università degli Studi milanese - è che guardano alle caratteristiche dell'intera massa tumorale, come ad esempio il profilo ormonale o il livello di proliferazione, invece che a quella rara sottopopolazione di cellule staminali tumorali che si nasconde all'interno dei tumori. Il problema riguarda anche altre firme molecolari sviluppate in anni precedenti analizzando i tumori mammari a livello della popolazione tumorale generale, e che quindi, in modo non sorprendente, hanno mostrato un valore prognostico limitato solo ad alcuni tumori al seno, in particolare quelli di tipo luminale".

 

Prevenire il cancro al seno e il rischio metastasi servendosi delle cellule staminali

Invece, precisa lo specialista, "la firma molecolare staminale che abbiamo sviluppato è in grado di misurare il rischio di metastasi in tumori mammari molto differenti tra loro, come nel caso dei tumori luminali e triplo-negativi. In questo senso questa firma rappresenta un nuovo concetto nel panorama dei fattori predittivi attualmente disponibili per il tumore del seno, e cioè un modello prognostico fondato su informazioni molecolari ottenute a livello delle rare cellule staminali, che sono le vere responsabili dell'evoluzione della malattia".

"Al momento - continua Di Fiore - stiamo conducendo studi di validazione dell'efficacia clinica della firma molecolare utilizzando coorti di pazienti arruolate in studi clinici internazionali, per cui abbiamo già stabilito accordi di collaborazione con Istituzioni a livello europeo. Questo rappresenta un passaggio indispensabile per l'introduzione nella pratica clinica nei prossimi anni. Ma non intendiamo fermarci al valore predittivo prognostico della nostra firma", puntualizza. "Il passo successivo, più importante, sarà studiare nuovi farmaci in grado di agire sui prodotti di uno o più dei geni che costituiscono la nostra firma staminale molecolare".

 

Ieo, ricerca sul tumore al seno: nuove terapie per attaccare le cellule staminali del cancro

"L'obiettivo - chiarisce infatti Di Fiore - è attaccare le cellule staminali tumorali proprio nel loro potenziale lesivo di sviluppare metastasi, nella prospettiva di nuove terapie molecolari per eradicare la malattia tumorale". Perché "risulta ormai sempre più evidente che le cellule staminali del cancro sono uno snodo vitale per le vie di lotta al tumore del seno".

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    tumore al senotumore al seno metastasitumore al seno rischio metastasitumore al seno avanzatotumore al seno prevenzionetumore al seno ricerca ieocancro al seno scopertacancro al seno metastasicancro al seno prevenzionecancro al seno studio
    in evidenza
    Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

    Calciomercato

    Barak, nuovo crack della serie A
    Milan in pole. Ma la Juventus...

    i più visti
    in vetrina
    Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto

    Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: On air in Italia il nuovo spot di Giulia e Stelvio

    Alfa Romeo: On air in Italia il nuovo spot di Giulia e Stelvio


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.