A- A+
Milan News
Cancro al pancreas: composto di cannabis triplica sopravvivenza. TUMORE AL PANCREAS SVOLTA?

Cancro al pancreas: composto di cannabis triplica sopravvivenza. TUMORE AL PANCREAS SVOLTA?

Tumore al pancreas: come il cannabidiolo triplica le possibilità di sopravvivenza. Cancro al pancreas: la molecola della cannabis sarebbe in grado di triplicare la sopravvivenza di chi è affetto da uno dei tumori più aggressivi. Se coadiuvato con farmaci chemioterapici, infatti, il CBD potrebbe dare nuove speranze in ambito medico.

Tumore al pancreas e cannabis: la molecola triplica sopravvivenza!

Il fatto che la cannabis possa aiutare a combattere ed inibire alcune malattie è ormai noto da molti anni. Da una ricerca, condotta dalla Queen Mary University di Londra e dalla Curtin University in Australia, e pubblicata sulla rivista Oncogene,  ci sono nuove speranze per una cura contro il cancro al pancreas. Lo studio su alcuni topi ha dimostrato che il cannabidiolo, una molecola di cui la cannabis è composta, in aggiunta alla chemio è in grado di triplicare la sopravvivenza dei roditori.

Cancro al pancreas: composto di cannabis triplica sopravvivenza. TUMORE AL PANCREAS SVOLTA? - lo studio londinese effettuato sui roditori dimostra l'efficacia del cannabidiolo

Marco Falasca, autore della ricerca presso l’università londinese afferma “Si tratta di un risultato degno di nota. Abbiamo visto che topi con cancro al pancreas sopravvivono quasi tre volte di più se una sostanza estratta dalla cannabis si aggiunge al loro trattamento chemioterapico.”

Il tumore al pancreas è un cancro molto aggressivo e tra quelli meno curabili. L’aspettativa di vita dei pazienti affetti da tale patologia, da oltre quarant’anni, è fissa a cinque anni dalla diagnosi e il tasso di sopravvivenza resta al di sotto del 7%. Come sottolinea Falasca “è importante e urgente trovare nuove cure”.

Tumore al pancreas - Marco Falasca "Il cannabidiolo in uso sin da subito se i risultati si ripeteranno"

Il cannabidiolo è già approvato per l'uso clinico, soprattutto per la sua efficacia relativa alla riduzione degli effetti della chemio, quali nausea, vomito e diarrea; e come evidenzia lo studioso londinese “Ciò significa che potremo rapidamente passare ai test clinici su pazienti. Se riusciremo a replicare gli stessi risultati sulle persone, il cannabidiolo potrebbe entrare in uso quasi immediatamente senza dover aspettare i tempi tecnici di approvazione di ogni nuovo”. C’è da dire inoltre che la suddetta molecola estratta dalla cannabis non è una sostanza psicoattiva e ciò significa che non ha effetti collaterali sulle persone.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cancro al pancreascancro pancreas cura novitàcannabidiolocannabiscannabis curativacura cannabistumore al pancreastumore al pancreas aspettative di vitatumore pancreas come si curatumore pancreas sopravvivenza





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.