A- A+
Sport
Napoli piega anche l'Atalanta: con Osimhen ed Elmas è fuga scudetto
Osimhen (Lapresse)

Napoli, prima vera fuga; Atalanta battuta 2-1

Con una grande prestazione di carattere, a tratti soffrendo anche e nonostante la pesante assenza di Kvaratskhelia, il Napoli torna da Bergamo con una vittoria importantissima ai danni dell’Atalanta, la nona consecutiva in campionato. Al Gewiss Stadium finisce 2-1 per gli azzurri lo scontro diretto d’alta classifica, grazie alle reti di Osimhen ed Elmas che ribaltano l’iniziale vantaggio di Lookman. La squadra di Spalletti piazza così il primo mini allungo della stagione, portandosi a +6 in vetta sul Milan e +8 proprio sugli uomini di Gasperini, al secondo ko di fila in casa e fermati anche da una traversa.

Atalanta-Napoli 1-2: con Osimhen ed Elmas è fuga scudetto

Pronti via e i bergamaschi avrebbero subito una grande palla gol per il vantaggio dopo appena tre minuti: Lookman scappa in velocità a Kim e serve al centro il liberissimo Hojlund, che calcia di destro trovando la respinta provvidenziale di Meret. Il match è equilibrato e per sbloccarlo arriva il primo episodio al 16’, in occasione di un corner per la Dea: Toloi spizza di testa, Hojlund e Demiral non trovano fortuna nel batti e ribatti, ma l’azione è viziata da un tocco di mano in area di Osimhen. L’arbitro non lo vede, ci pensa però il Var a punire l’attaccante partenopeo: dal dischetto Lookman piazza sotto l’incrocio l’1-0. Tempo quattro minuti ed Osimhen si riscatta immediatamente mettendo dentro di testa l’1-1 su cross di Zielinski, ristabilendo quindi l’equilibrio al Gewiss Stadium.

Gli azzurri prendono maggior coraggio e al 35’ la ribaltano anche con il guizzo di Elmas, che riceve da Osimhen e di sinistro fulmina Musso anche grazie ad una deviazione di Hateboer. Nella ripresa l’Atalanta prova ad alzare il proprio baricentro proponendosi con costanza all’interno della tre quarti avversaria, sfiorando il pareggio al 55’ prima con Maehle respinto da Meret, poi con Lookman che sulla respinta del portiere colpisce una clamorosa traversa dopo una deviazione di volto di Oliveira. Dopo lo spavento il Napoli si mette a difendere con ordine, concedendo pochissimo ai nerazzurri per il resto del tempo. Al 78’ è il neo entrato Simeone ad andare vicino al colpo del definitivo ko, indirizzando di poco a lato un destro dal limite, mentre nel finale l'ultimo tentativo della Dea ad opera di Maehle viene respinto da un compagno che salva di fatto Meret.

 

 

Napoli, Spalletti: Osimhen? Ha questi strappi, queste vampate di sostanza, di fisico e di velocità

"Era una partita difficile. Tutti avevano scritto che erano punti importantissimi. Per quello che è il dove vogliamo andare e quello che vogliamo fare, quali sono tre punti meno importanti? Sono tutti importantissimi. C'è sempre da essere se stessi e fare le solite cose. Forse dobbiamo sbagliare qualche passaggio in meno rispetto a quelli fatti nel secondo tempo", le parole di Luciano Spalletti a Dazn. "L'Atalanta noi la guardiamo, come guardiamo il Liverpool perché fanno tendenza. E loro hanno fatto una grande partita. Questo certifica che quella di questa sera è stata una grande partita su un bel campo, con uno stadio bello nuovo. Ma la nostra squadra è preparata ad affrontare questi ambienti, questi cori che ti possono creare difficoltà". Su Osimhen: "Lui ha questi strappi, queste vampate di sostanza, di fisico e di velocità. Ogni tanto dovrebbe interpretare al meglio le situazioni. Questa sera era un po' stanco dato che ha giocato 3 giorni fa. Lui è sempre stato da solo a metà campo uomo contro uomo e in queste situazioni qui lui riesce sempre a dare il meglio".

Atalanta-Napoli 1-2, tabellino

ATALANTA (3-4-1-2): Musso; Toloi, Demiral, Scalvini; Hateboer (41' st Soppy), Ederson, Koopmeiners (36' st De Roon), Maehle; Pasalic (26' st Malinovskyi); Lookman (36' st Boga), Højlund (26' st Zapata). A disposizione: Rossi, Sportiello, Okoli, Boga, De Roon, Malinovskyi, Djimsiti, Zortea, Ruggeri, Zapata, Soppy. All.: Gasperini

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Kim, Juan Jesus, Olivera; Zambo Anguissa (48' st Gaetano), Lobotka, Zielinski (19' st Ndombele); Lozano (19' st Politano), Osimhen (30' st Simeone), Elmas (48' st Zerbin). A disposizione: Marfella, Sirigu, Demme, Mario Rui, Simeone, Politano, Zerbin, Zedadka, Ostigard, Zanoli, Gaetano, Raspadori, Ndombele. All.: Spalletti

ARBITRO: Mariani

MARCATORI: 19' pt rig. Lookman (A), 23' pt Osimhen (N), 35' pt Elmas (N)

NOTE: Ammoniti: Demiral, Hojlund, Maehle, Zapata, Toloi (A); Kim (N). Recupero: 2' pt, 4' st

Iscriviti alla newsletter
Tags:
atalantanapoli




in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.