A- A+
Affari Europei
Cambiamenti climatici, danni per 450 miliardi in Ue.Italia paese più a rischio

Da fenomeni climatici danni per 450 mld in Europa,

Le perdite economiche totali riportate a causa degli eventi climatici estremi nei 33 Paesi dello spazio economico europeo (See) nel periodo 1980-2016 sono ammontate a oltre 450 miliardi di euro. Il calcolo e' della Agenzia europea per l'Ambiente che oggi ha presentato al Comitato delle Regioni il rapporto sull'adattamento ai cambiamenti climatici e la riduzione del rischio da disastri nell'Ue

Inondazioni, tempeste, siccità e ondate di calore

La maggior parte dei danni e' stata causata dalle inondazioni (40%), seguite da tempeste (25%), siccita' (circa il 10%) e ondate di calore (circa il 5%). La copertura assicurativa di tutti questi rischi e' in generale circa del 35%. Le ondate di calore, secondo quanto emerge dal rapporto, sono il fenomeno piu' pericoloso perche' e' quello che fa piu' vittime, soprattutto tra le fasce sociali vulnerabili, come gli anziani. Questo perche' l'effetto delle ondate di calore si combina con l'inquinamento atmosferico aggravando malattie respiratorie e cardiovascolari.

Italia paese Ue con danni maggiori dalle calamità

Tra il 1980 e il 2015 l'Italia ha subito danni per 64,9 miliardi di euro a causa di eventi climatici estremi. Tra i 33 paesi dello spazio economico europeo (See), la Penisola ha registrato le perdite economiche piu' ingenti ed e' il secondo per numero di vittime, oltre 20mila, dopo la Francia (23mila). E' quanto emerge dal rapporto sull'adattamento ai cambiamenti climatici e la riduzione del rischio da disastri nell'Ue, pubblicato oggi dall'Agenzia europea per l'Ambiente. Nel rapporto si indica inoltre il Nord Italia come una delle aree che in futuro potrebbero vedere aumentato il rischio alluvione, insieme alle isole britanniche e all'Europa occidentale. 

Allarme Italia: nel 2080 siccità a Sud ed esondazioni a Nord

Non è tutto. Gli scenari futuri sono inquietanti. Secondo il rapporto sulla riduzione dei rischi di disastri naturali pubblicato oggi, la frequenza delle inondazioni fluviali “triplicherà” entro il 2080 nella Francia meridionale, nel nord Italia e “probabilmente” nella regione del Danubio. Così come la severità delle siccità “mostra un aumento significativo” nella regione del Mediterraneo, in particolare nelle penisola iberica, in Francia, Italia e Albania. In prospettiva un problema, dato che nei casi peggiori di siccità i rifornimenti di acqua non saranno garantiti. “Conseguenze su fornitura di acqua e qualità dell’acqua sono molte probabili nelle regioni più popolate, come la Francia centrale, il Belgio, la Germania e il sud Italia”, rileva lo studio. E non finisce qui. L’aumento delle temperature, con lo scioglimento delle nevi sulle cime alpine, renderà le Alpi ancora meno sicure visto “ci si aspetta un aumento di valanghe oltre di 2000 metri” di altitudine.

Tags:
cambiamenti climaticiallarme italiaacqua italiaesondazioni





in evidenza
Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile

Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.