I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
Eredità e patto di famiglia, come lasciare l’azienda a uno solo dei figli

“Gentile Avvocato, sono un imprenditore di 72 anni, titolare di un’impresa familiare. Ho 3 figli che non vanno molto d’accordo tra di loro e ritengo che solo uno di loro sia capace di proseguire l’attività che ho avviato ormai 50 anni fa. Esiste uno strumento giuridico che mi assicuri, nei confronti di quest’ultimo, la continuità generazionale nell’azienda, escludendo l’interferenza degli altri due figli?”.

Da qualche anno, esiste uno strumento che potrebbe essere la soluzione che cerca.

Nel 2006 sono stati inseriti nel codice civile gli articoli da 768 bis a 768 octies, che regolamentano il patto di famiglia, ovvero un contratto con cui «l'imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l'azienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti».

Si tratta di un contratto successorio, ossia di sistemazione della successione di un imprenditore, che attribuisce la titolarità dell’azienda o della partecipazione sociale a favore di uno o più discendenti, non necessariamente per una ragione specifica, ma ai fini della continuità generazionale.

Proprio in questa prospettiva, l’attribuzione può essere fatta soltanto in favore dei discendenti, e non del coniuge.

Il discendente prescelto (uno o più), deve però liquidare una somma di danaro ai legittimari (cioè i soggetti che avrebbero diritto ad una parte del patrimonio se in quel momento si aprisse la successione dell’imprenditore), che non risultino tra gli assegnatari dell’azienda o della partecipazione sociale.

In Italia, infatti, alcuni familiari (i discendenti in linea retta, il coniuge, gli ascendenti se viventi) hanno un diritto non eliminabile a conseguire una quota del patrimonio della persona defunta nella successione di questa.

Il diritto ad ottenere la liquidazione della propria quota è, peraltro, rinunciabile.

È discussa la natura del patto di famiglia. L’opinione prevalente in materia è quella secondo cui il patto di famiglia è un contratto a più parti, la cui conclusione richiede quindi l’intervento di tre categorie di soggetti: 1. l’imprenditore; 2. il discendente o i discendenti cui viene attribuita l’azienda o le partecipazioni sociali e, infine, 3. gli altri potenziali legittimari esistenti al momento del perfezionamento del contratto.

L’art. 768 quater c.c. prevede infatti che «al contratto devono partecipare anche il coniuge e tutti coloro che sarebbero legittimari ove in quel momento si aprisse la successione nel patrimonio dell'imprenditore».

Non è sufficiente quindi, affinché il patto di famiglia sia validamente concluso e possa produrre tutti gli effetti che la legge gli riconnette, che ad esso partecipino soltanto l’imprenditore e il/i discendenti. Per i legittimari esistenti e non coinvolti nella stipulazione del contratto, infatti, quest’ultimo sarebbe assolutamente irrilevante.

Bisogna notare come il legislatore, introducendo il patto di famiglia nel nostro ordinamento, abbia voluto segnare una netta linea di demarcazione tra gli eredi legittimari già esistenti al momento della conclusione del patto di famiglia, e quelli invece non ancora venuti ad esistenza in quel momento, sottoponendo gli uni e gli altri ad una disciplina diversa.

L’effetto previsto dall’art. 768 quater, ultimo comma, c.c., per cui le attribuzioni realizzate dal disponente con il patto di famiglia hanno carattere definitivo, in quanto nei loro confronti non potranno sorgere contestazioni ereditarie, può prodursi infatti nei confronti dei legittimari già esistenti soltanto con il loro consenso, mentre si impone “automaticamente” nei confronti dei legittimari sopravvenuti.

Questi ultimi avranno, di conseguenza, soltanto un diritto alla liquidazione in danaro della quota loro spettante sui beni oggetto del patto di famiglia.

È importante poi individuare quali sono le conseguenze della mancata partecipazione al patto di famiglia di uno dei legittimari già esistenti. Questa situazione dà luogo alla nullità del patto stesso ed all’inclusione dei beni dell’impresa nell’asse ereditario, non essendo mai passati in proprietà dei discendenti assegnatari.

Infine, si deve ricordare come il patto di famiglia debba essere obbligatoriamente stipulato per atto pubblico, di fronte ad un notaio.

Con le dovute cautele, quindi, questo strumento potrebbe risolvere il suo problema e assicurarle la prosecuzione dell’attività.

*Studio Legale Bernardini de Pace

 

 

Commenti
    Tags:
    ereditàpatto successorioazienda di famigliasuccessionefigli
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    I ristoranti riaprono all'aperto E la pipì dietro un cespuglio?

    Covid vissuto con ironia...

    I ristoranti riaprono all'aperto
    E la pipì dietro un cespuglio?

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio

    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.