I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
Mia nonna morta per errore dei medici. È possibile chiedere un risarcimento?

“Gentile Avvocato, qualche mese fa è venuta a mancare mia nonna a causa di un macroscopico errore commesso dai medici durante un’operazione. La nonna mi ha cresciuta, con lei avevo un rapporto speciale, era la mia complice, la mia confidente, soprattutto da quando i miei genitori hanno divorziato. La sua morte improvvisa mi ha toccata a tal punto da dover chiedere aiuto a una psicologa per poterla superare. Le domando, caro avvocato, potrei chiedere un risarcimento per la perdita di mia nonna? Esiste una forma di risarcimento di questo tipo? A quanto ammonterebbe il risarcimento?”

Al giorno d’oggi i nonni sono le colonne portanti della famiglia; sono loro a occuparsi dei nipoti quando i genitori sono assenti e spesso contribuiscono a dare un aiuto economico alla famiglia. La loro presenza è un punto fermo, specialmente quando la famiglia attraversa momenti di difficoltà, come è accaduto a Lei, durante il divorzio dei Suoi genitori. I nonni, in queste circostanze, fungono da supporto emotivo per i nipoti in un momento nel quale le loro certezze si sgretolano e rappresentano un importante fattore di protezione proprio per la continuità affettiva che assicurano.

La scomparsa di una persona cara, come la nonna, causa un dolore immenso, soprattutto se la morte è imputabile a un soggetto terzo. Per questo motivo, la giurisprudenza ha elaborato il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale che si configura come ristoro del danno, di natura non patrimoniale (ai sensi dell’art. 2059 c.c.), riconosciuto ai parenti per la perdita del prossimo congiunto, a causa di un fatto illecito altrui.

Il danno parentale si concretizza nella irreversibile perdita del godimento della presenza di una persona alla quale si era legati da un rapporto di natura familiare e/o affettiva. Perdita, che determina lo sconvolgimento delle abitudini quotidiane del richiedente e quindi, si concretizza nella impossibilità di continuare ad avere relazioni interpersonali e di vita familiare con il soggetto che è venuto a mancare. In passato, l’orientamento prevalente riteneva necessaria la convivenza quale presupposto per poter riconoscere il risarcimento del danno. Solo la convivenza infatti, veniva considerata elemento essenziale per poterlo richiedere, poiché questa era indice di una forte relazione affettiva. Ma ora le cose sono cambiate: la Corte di Cassazione ha definitivamente riconosciuto che non si può limitare il risarcimento ai conviventi se viene dimostrato un rapporto affettivo solido. Ed è proprio il caso del rapporto tra nipoti e nonni che, anche se non conviventi, sono soliti frequentarsi abitualmente. Ne consegue, per rispondere alla Sua domanda, che Lei potrà adire il Tribunale per chiedere il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale, sia che abbia convissuto, o meno, con Sua nonna; ma per poter fondare la richiesta, gentile Signora, non basterà addurre il semplice legame di sangue, dovrà dimostrare l’esistenza di una relazione abituale e intensa tanto da determinare un forte sconforto per la perdita subita e il danno psicologico che ne deriva.

Infine, per rispondere all’ultimo quesito che mi pone, la liquidazione del danno parentale, trattandosi di danno non patrimoniale ai sensi art. 2059 c.c., viene elargita “in base a valutazione equitativa, che tenga conto dell’intensità del vincolo familiare, della situazione di convivenza e di ogni ulteriore circostanza utile..”; in altri termini, l’ammontare del risarcimento non è determinabile a priori. D’altra parte, il Giudice, per potersi orientare, potrà fare riferimento sia alle tabelle milanesi sia a quelle romane, che offrono un valido criterio di “valutazione di base del danno”; in ogni caso, l’entità del risarcimento andrà calcolata prendendo in considerazione le caratteristiche del caso concreto. Quindi, il Tribunale dovrà valutare sia l’aspetto interiore del danno sofferto (c.d. danno morale, come il dolore patito per la perdita) sia quello dinamico-relazionale (destinato ad incidere negativamente sulle condizioni di vita del superstite), analizzati questi aspetti, verrà determinata una somma a titolo di risarcimento.

Cara Signora, nessuno potrà mai restituirLe Sua nonna, ma può far sì che coloro che hanno causato il suo decesso paghino per averLa privata, prima del tempo, di uno dei Suoi affetti più cari.

 

Dott. Francesca Albi-Studio legale Bernardini de Pace

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    errori medicimorto per errore del medico
    Loading...
    in evidenza
    Diletta Leotta, sirena in mare Lato B e pose zen... Le foto

    Belen, Fico e... Gallery Vip

    Diletta Leotta, sirena in mare
    Lato B e pose zen... Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°

    Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre

    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.