I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
Rapporto finito dopo la convivenza. Obblighi sui figli anche se non sposati?

“Caro Avvocato, le scrivo perché ho deciso di interrompere il rapporto con la mia compagna, con la quale convivo da 8 anni, a Milano. Dalla nostra relazione è nato Marco che oggi ha tre anni. Sono preoccupato perché non conosco l’iter giudiziale per regolamentare i rapporti con mio figlio. Cosa dovrei fare? A quale Tribunale dovrei rivolgermi, forse al Tribunale per i Minorenni? Ci sono regole differenti per i genitori non sposati? Dovrò mantenere mio figlio?”

 

Da alcuni anni a questa parte si assiste a un aumento di coppie che decidono di optare per la convivenza piuttosto che per il matrimonio. Nonostante il fenomeno della “famiglia di fatto” sia in costante crescita e siano stati fatti numerosi passi avanti con la Legge Cirinnà (76/2016), che ha ampliato i diritti dei conviventi, manca oggi una equiparazione tra partner non sposati e coniugi.

Per quanto riguarda i minori, invece, con l’entrata in vigore della legge 219/2012, è stata eliminata definitivamente ogni residua differenza tra i figli nati fuori dal matrimonio e figli nati da coppie coniugate attribuendo a entrambi uguali diritti. Tutti i figli hanno il diritto a essere mantenuti, educati, istruiti e assistiti moralmente, nel rispetto delle loro capacità, delle loro inclinazioni naturali e delle loro aspirazioni. Allo stesso modo, tutti i genitori, coniugati e non hanno gli stessi diritti e doveri. Dunque, per rispondere alla Sua domanda, caro Signore, al pari di qualunque coppia sposata, Lei e la Sua compagna avete il dovere di provvedere al mantenimento - in proporzione alla Vostra capacità reddituale e patrimoniale - all’educazione e all’istruzione di Marco.

In realtà, ciò che differenzia le coppie sposate dalle coppie di fatto è l’iter processuale da seguire per disciplinare i rapporti con i figli quando la “coppia scoppia”.

I coniugi regolano i rapporti di filiazione contestualmente alla separazione: nello stesso procedimento di separazione verranno regolamentate sia le questioni relative ai coniugi sia l’affidamento, il collocamento e il mantenimento dei figli.

I genitori non uniti in matrimonio, invece, quando decidono di porre fine alla convivenza, devono rivolgersi al Tribunale ordinario (non più al Tribunale per i Minorenni dopo la riforma del 2012) avviando un procedimento ad hoc per disciplinare l’affidamento, il collocamento e il mantenimento dei propri figli.  

A seconda del livello di conflittualità tra le parti, questa procedura potrà essere:

a)  giudiziale: quando i genitori non riescono a trovare un accordo sulla gestione dei figli; il padre (come nel Suo caso) o la madre, potrà proporre ricorso ai sensi dell’art. 337 ter c.c., rivolgendosi al Tribunale per chiedere che decida in merito alla responsabilità genitoriale, al collocamento dei minori, all'assegnazione della casa familiare, alla regolamentazione dei tempi di permanenza con ciascun genitore, al contributo al mantenimento, alle spese straordinarie e così via. Il procedimento si svolge nel contraddittorio delle parti davanti al Tribunale, riunito in camera di consiglio, che può assumere informazioni e compiere attività d’indagine necessarie ai fini della pronuncia. La decisione è emessa nella forma del decreto motivato e può essere impugnata davanti alla Corte di Appello;

b) consensuale: quando i genitori si trovano pienamente d’accordo su tutti gli aspetti relativi alla organizzazione e alla gestione dei figli. In questo caso, i genitori, raggiunta l’intesa sulle condizioni che regolamentano la vita dei figli e assistiti da un avvocato esperto in diritto di famiglia, dovranno presentare al Tribunale il ricorso congiunto contenente l’accordo.

Dopo aver ascoltato le parti, i Giudici, anche in questo caso, riuniti in camera di consiglio, valuteranno l’adeguatezza delle condizioni pattuite in relazione all’interesse dei figli. Dopo questa verifica di conformità, provvederanno alla ratifica degli accordi raggiunti dai genitori.

Le dirò di più, negli ultimi anni, il Tribunale Milano, quando considera le condizioni fissate dai genitori corrispondenti al benessere dei minori, le approva senza convocarli in udienza.

A questo punto, gentile Signore, Le auguro di poter definire con la Sua ex compagna, in via consensuale, tutti gli aspetti della vita del piccolo Marco; del resto si può smettere di essere una coppia, ma non si smette mai di essere genitori.

 

Dott. Francesca Albi-Studio legale Bernardini de Pace

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    separazionedivorziofigli convivenzalegge cirinnà
    Loading...
    in evidenza
    Diletta Leotta, sirena in mare Lato B e pose zen... Le foto

    Belen, Fico e... Gallery Vip

    Diletta Leotta, sirena in mare
    Lato B e pose zen... Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°

    Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre

    Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.