I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Questo periodo difficile è da molti ancora sottovalutato per la sua gravità

Gianni Lucchina, per via del ruolo che occupa nell'associazione AIME, e per la sua pluriennale esperienza in campo sindacale, ha l'opportunità di contattare quotidianamente piccoli, medi e grandi imprenditori in Italia. Sarebbe molto positivo poter conoscere il suo punto di vista, in primis in campo economico, ma anche in termini di comportamento dei responsabili politici a livello locale e nazionale. Gli poniamo quindi qualche domanda per comprendere che cosa governo, istituzioni e cittadini stessi potrebbero fare per meglio interagire fra di loro.

Intervista a Gianni Lucchina, Segretario Generale di Aime

Caro Gianni, sei d'accordo sul fatto che molti stiano sottovalutando l'impegno che ciascuno di noi dovrebbe assumere nei confronti della pandemia?

lucchinaGianni Lucchina

"Sì, oggi siamo di fronte ad un periodo difficile, ma da molti ancora sottovalutato per la sua gravità.  Pensavamo, ingenuamente e in maniera forse troppo disinvolta, che l’estate avrebbe portato con sé i problemi causati dall’emergenza Covid 19 e che la situazione non si sarebbe più ripresentata nella fase autunnale. Cosi non è stato, e certamente oggi ricoprire un ruolo decisionale di Governo non è facile e richiede senso di responsabilità e di pacatezza, ma anche autorevolezza e determinazione sia sul versante della salute pubblica che dell’economia".

Quali sono i punti che andrebbero trattati con maggiore urgenza?

"Per il nostro Paese è fondamentale, ne va del futuro dei nostri figli e nipoti, che siano attuate con la massima concentrazione, rigore e velocità tutte quelle politiche di riforma e di sostegno alla tenuta ed allo sviluppo economico. Fa una certa rabbia quindi assistere ai continui balletti e battibecchi tra Governo e Regioni: il Governo decide di chiudere e le Regioni protestano, lo stesso Governo allenta le misure e le Regioni chiedono più severità. Addirittura abbiamo assistito a dichiarazioni che mentre proponevano di chiudere le scuole presentavano l’idea di mantenere aperte alcuni luoghi dove il contagio si è dimostrato più frequente. Ancora più deprimente assistere ad un dibattito politico surreale di fronte ad un tale dramma sanitario ed economico: a Roma parlano di rimpasto, elezioni, nuovi Premier".

Come suggerisci di procedere?

"In una situazione del genere di tutto si dovrebbe discutere, tranne che di poltrone o di alchimie organizzative, tutti si dovrebbero rimboccare le maniche cercando i migliori strumenti per affrontare questa fase delicata. Il Paese ha bisogno di atteggiamenti e scelte coraggiose, coerenti e praticabili. Certamente anche noi cittadini dobbiamo essere coscienti di questa situazione e collaborare con comportamenti responsabili. Curiosamente invece stiamo assistendo a comportamenti incomprensibili come quelli di categorie lavorative che indicono scioperi per aumenti di stipendio o per rinnovo dei contratti, a fronte di centinaia di migliaia di lavoratori che rischiano di perdere il lavoro e migliaia di piccole e medie imprese che rischiano di non riaprire più".

Mi sembra di poter dire che anche alcuni equilibri sociali si stanno sgretolando

"Sì, siamo di fronte a situazioni schizofreniche che mettono a rischio anche la tenuta sociale. Ai ristoratori, ai barman, agli albergatori, ai negozianti  si è imposta e si impone la chiusura dei loro esercizi erogando sussidi quasi sempre insufficienti per mantenere in vita le attività; i dipendenti delle aziende private hanno subito e subiscono la cassa integrazione con una conseguente riduzione dello stipendio; i professionisti hanno avuto ed hanno un drammatico calo delle richieste di prestazioni e quindi del loro fatturato; nel contempo i dipendenti degli apparati pubblici o per lo meno una parte di essi, naturalmente con esclusione di chi è impegnato nella sanità, sono stati e sono obbligati a lavorare da casa, il più delle volte con scarsi risultati di efficienza, non essendoci le condizioni tecnologiche, formative ed organizzative pronte per poterlo fare. Comunque in tutto questo periodo questa è l’unica categoria che è stata regolarmente retribuita come se non ci fosse in atto alcun problema.  Ciononostante alcuni sindacati di categoria, non contenti, hanno proclamato scioperi per il rinnovo del proprio contratto di lavoro e per rivendicazioni salariali. Davvero è stato triste che di fronte alla tragedia che il Paese sta vivendo ci sia chi è sceso in piazza per chiedere aumenti di stipendio, sicuro però che il proprio posto di lavoro non è stato, non è e non sarà mai messo in discussione".

Come vorresti concludere questa intervista?

"E’ necessario dunque porsi qualche domanda. Queste rivendicazioni sacrosante in tempi normali, sono una cosa giusta anche in tempi di una crisi epocale? Ed i diritti/doveri dei lavoratori non dovrebbero essere universali, quindi uguali per tutti? Perché in assenza della possibilità del lavoro in presenza o del lavoro agile per i dipendenti pubblici, non prevedere anche qui la cassa integrazione? E perché non chiedere con forza nuove assunzioni e la realizzazione di una vera e definitiva digitalizzazione del sistema Stato?

Forse in tempi di emergenza anche da parte sindacale sarebbe doveroso adottare criteri di maggiore cautela e solidarietà. E’ necessario infine cercare e trovare un equilibrio tra pubblico e privato distribuendo però su tutti il fardello dei sacrifici, anche su chi oggi è chiamato a governarci a qualsiasi livello e a dettare le scelte. A questi ultimi una preghiera: le proprie energie le dedichino per i cittadini e non per sterili polemiche e per ricerca spasmodica di una insaziabile visibilità".

aime logo
 

 

AIME www.aimeitalia.it
Viale Valganna, 190 - 21100 VARESE
Telefono: 0332 1575230 Fax: 0332 1575228
Email: segreteriagenerale@aimeitalia.it

 

 

Commenti
    Tags:
    periodo difficilepandemiagravitàgianni lucchinaaimegovernoregionitrendiest news
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.