I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Perché il casco di Grillo è poco verosimile

Beppe Grillo, garante del Movimento 5 Stelle, nonché suo fondatore con Gianroberto Casaleggio nel 2009, si presenta alla riunione in un hotel romano coi leader del movimento e con l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, indossando un casco che ricorda quello degli astronauti.

Il M5S è il partito che ha raccolto più voti, il 32% del totale, alle ultime elezioni politiche del marzo 2018. Ha sostenuto gli esecutivi Conte I e II e ora quello del premier Mario Draghi. Il Governo del Paese, della Ricostruzione, che deve affrontare l’emergenza pandemia - che ha finora causato oltre 97mila morti - e gestire i 209 miliardi che Next Generation EU destina all’Italia.

Grillo sa che è sempre meglio rispondere a un giornalista cui è stato indicato di scrivere un pezzo, altrimenti c’è il rischio che per così dire lavori di immaginazione. Tuttavia, non ha risposto a chi gli chiedeva il perché del casco (qualche testata ha ipotizzato un riferimento al rover Perseverance sbarcato su Marte il 18 febbraio) e in questo modo ha come indirettamente dato il via ai commenti, che poi inesattamente non sono arrivati, forse perché è faticoso riflettere su questi temi. Si accolgano quindi, con tutto il rispetto, alcuni liberi dubbi e riflessioni.

1 – Gli albi professionali prevedono il dovere di tutelare l’onore della professione e la fiducia degli utenti nei confronti della stessa. Un capo politico, pur non esistendo l’albo professionale dei politici, a maggior ragione, perché indirizza o fa le leggi che determinano la vita dei cittadini, dovrebbe seguire tali regole applicandole ai propri ambiti relativi e attività. Che cosa pensa un cliente/utente di fronte a un architetto, un avvocato, un giornalista, un ingegnere, un medico con un casco da astronauta?

2 – In generale secondo l’etichetta, comportamenti bizzarri, imprevisti e paradossali sono considerati sconvenienti e mal tollerati.

3 – Un personaggio pubblico è un esempio per le persone e i giovani in particolare.  Questi ultimi possono presentarsi a un esame universitario o a un colloquio di lavoro con un casco da astronauta?

4 – In una società in cui la televisione fa la parte del leone e c’è confusione tra comunicazione, giornalismo, informazione e spettacolo, tenere separato il serio e il faceto (il che è anch’esso un principio deontologico derivato, che dovrebbe valere anche nelle trasmissioni giornalistiche, sì al comico purché sia chiaro quando a parlare è il comico… si scriva nel sottopancia “L’angolo del comico”). Per completezza: l’ironia naturalmente è un indice dell’intelligenza.

 5 – C’è anche una questione, minore nella fattispecie, di riconoscibilità. Si pensi al dibattito sulle donne islamiche o ai cosiddetti “black bloc” col volto nascosto. È vero che le mascherine anti-Covid ridimensionano necessariamente tale aspetto, ma l’assunzione di responsabilità, il metterci la faccia è un principio della democrazia.

Commenti
    Tags:
    beppe grillomario draghi
    in evidenza
    Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

    Savelletri, Torre Canne e...

    Vacanza da sogno per i Ferragnez
    In Puglia tra masserie di lusso

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

    Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.