A- A+
Coronavirus
Coronavirus, "Tornati a dover scegliere chi salvare. Molti tumori non curati"
(fonte Lapresse)

Coronavirus, "Tornati a dover scegliere chi salvare. Molti tumori non curati"

Il dramma della pandemia da Coronavirus in Italia continua. Gli ospedali sono tornati a livelli di emergenza di un anno fa, con i reparti di terapia intensiva sempre più saturi. In Emilia Romagna si registra una delle situazioni più complicate, ampiamente superata la soglia critica, come testimonia il direttore del reparto malattie infettive del Sant'Orsola di Bologna. "Qualche giorno fa, - spiega Pierluigi Viale a Repubblica - come sempre, ci siamo riuniti di buon mattino con i colleghi dell’ospedale. Un chirurgo si chiedeva: ho un solo posto, che faccio, opero un tumore al pancreas o uno al colon? Ecco, anche questo è il Covid. Ci mette di fronte a scelte che non fanno dormire la notte. Da noi la circolazione è furiosa. Chiunque può essere colpito. In ospedale abbiamo gente di ogni età. Sono 360 giorni che ci prendiamo a botte con il virus, e continueremo a farlo fino a quando sarà necessario. Ma la cosa che trovo più angosciante è fermare tante altre attività degli ospedali e mettere in lista d’attesa malattie che il nostro sistema sanitario non avrebbe mai permesso di lasciare indietro. Un malato di tumore non può aspettare".

"Sono giorni pesantissimi per tutti. Ai colleghi del pronto soccorso - prosegue Viale a Repubblica - arrivano tantissime persone che hanno bisogno di un letto o di cure intensive. Ma saturare troppi posti di terapia intensiva con pazienti Covid vuole dire rallentare tutte le altre attività chirurgiche e molte attività non chirurgiche. Le emergenze sono sempre garantite: chi ha un infarto o un trauma grave arriva in ambulanza a sirene spiegate e viene assistito. Per gli interventi urgenti troviamo aiuto anche dal privato. Ma ci sono gli altri pazienti da assistere, e per loro diventa difficile trovare collocazione. Mio padre mi diceva che la nostra è una generazione fortunata perché non ha vissuto la guerra. Ora questa è la nostra guerra, e ce la stiamo giocando al meglio delle nostre forze. A farci paura non sono le bombe, ma il timore di non riuscire a garantire il meglio a tutti, che è il principio del nostro sistema sanitario".

Commenti
    Tags:
    coronavirusemergenza coronaviruscoronavirus newscoronavirus italiavacciniterapie intensivetumori non curatiospedale bolognaletti occupati ospedale
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    “Elisabetta rifatti una vita…” Filippo, il web sdrammatizza

    Cronache

    “Elisabetta rifatti una vita…”
    Filippo, il web sdrammatizza

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento

    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico

    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.