A- A+
Coronavirus
Covid, quanto siamo immuni? Lo si può sapere con un semplice test del sangue

Immuni al Covid? Ecco chi lo è e come si può capirlo. Il test dqTACT

 

Dalle analisi del sangue potremo presto sapere se siamo immuni al COVID-19. E lo capiremo in 24 ore, con costi davvero limitati.

Dei ricercatori, primi firmatari del Dipartimento di Scienze Oncologiche dell’ospedale Mount Sinai di New York e della Duke-NUS Medical School di Singapore (ma ci sono scienziati da ogni parte del mondo, compresa l’Italia) hanno creato un test per verificare la risposta delle cellule T al COVID-19. Questo perché quando il virus entra nel corpo per infezione o si è fatta una vaccinazione l’organismo fa due cose: la prima è creare anticorpi, come parte dell'immunità umorale, e la seconda è attivare un tipo di globuli bianchi chiamati cellule T che funzionano per fermare il virus, cioè dal farlo diventare “troppo aggressivo” e arrivare ad esiti gravi o addirittura alla morte.

I linfociti T, che sono prodotti per combattere i virus, possono rimanere presenti nel corpo per anni e quindi molto più a lungo degli anticorpi, il che li rende un migliore indicatore a lungo termine dell'immunità della persona.

La ricerca è stata pubblicata qualche giorno fa su Nature Biotechnology. Ora il dqTACT, questo il nome del test specifico del sangue, per finire sul mercato verrà sottoposto all’approvazione dall’FDA degli USA nei prossimi mesi. Verrà poi probabilmente sottoposto ad altri enti, come l’EMA e quelli nazionali.

"Anche se qualcuno viene infettato”, ha dichiarato ai giornalisti del gruppo Changing America del giornale USA The Hill Ernesto Guccione, tra i ricercatori coinvolti e professore di scienze oncologiche e farmacologiche al The Tisch Cancer del Mount Sinai, “fintanto che esiste una solida immunità secondaria, queste persone elimineranno il virus entro pochi giorni o una settimana e poi continueranno a vivere la loro vita".

Per i ricercatori il test potrebbe aiutare a capire meglio il rischio di una persona di contrarre l'infezione e la frequenza con la quale soprattutto le persone immunocompromesse possano avere effetti.

Il test ovviamente funziona anche con le varianti perché le cellule T si attivano sempre negli esseri umani che non hanno disfuzioni particolari. E’ una scoperta importante perché prima di questo studio la misurazione delle risposte dei linfociti T era stata eseguita raramente a causa dei costi elevati e dei problemi tecnici associati.

“Queste cellule T”, ha spiegato sempre Guccione, “hanno un ruolo importante nella protezione dai ceppi mutanti emergenti, quindi potremmo immediatamente misurare l'impatto che le mutazioni virali potrebbero avere sull'immunità cellulare".

Lo studio è stato condotto utilizzando i servizi diagnostici del laboratorio di Synlab di Castenedolo in provincia di Brescia e quelli della Hyris System TM (britannici) e con la tecnologia qPCR sempre di Hyris.

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    castenedolocelleule tcoronaviruscovidimmuneimmuniimmunitàlinfocitisars cov 2synlabtest sanguevaccini





    in evidenza
    Affari va in rete

    MediaTech

    Affari va in rete

    
    in vetrina
    Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

    Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


    motori
    Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

    Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.