A- A+
Coronavirus
Dpcm, sì al pranzo di Pasqua ma in Regione. Val d'Aosta chiude le seconde case
(fonte Lapresse)

Dpcm, sì al pranzo di Pasqua ma in Regione. Val d'Aosta chiude le seconde case

L'Italia da oggi è in semi lockdown generale. Prove ufficiali della vera chiusura, prevista dal 3 al 5 aprile per le feste di Pasqua. L'emergenza Coronavirus non dà tregua al Paese, il numero dei contagi continua a crescere, ma quello che preoccupa di più sono gli ospedali, con i reparti di terapia intensiva ormai di nuovo ai limiti, come non si vedeva da mesi. Ampiamente superata la soglia critica, più di 3 mila letti sono occupati solo per Covid. Resta drammatico il numero di morti giornalieri. Con tutte queste premesse, il governo Draghi vara il nuovo Dpcm, mezza Italia diventa rossa e l'altra metà arancione, si salva solo la Sardegna, bianca. Le misure più restrittive riguardano le seguenti Regioni: Campania, Emilia- Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Marche, Trento e Bolzano. Mentre in zona arancione finiscono: Basilicata, Abruzzo, Calabria, Liguria, Molise, Puglia, Sicilia, Umbria e Valle d’Aosta.

Nelle zone arancioni - si legge sul Corriere della Sera - le visite sono consentite una sola volta al giorno, verso una sola abitazione privata abitata dello stesso Comune, tra le 5 e le 22, a un massimo di due persone (i minori di 14 anni non vengono computati)». Se si vive in un Comune che ha fino a 5.000 abitanti ci si può spostare «tra le 5 e le 22 entro 30 km ma senza andare nei capoluoghi di provincia». Nelle zone rosse invece le visite a parenti e amici sono vietate. Il 3, 4 e 5 aprile 2021 tutta Italia sarà zona rossa ma sarà consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata della stessa Regione, tra le ore 5 e le 22, a un massimo di due persone e con minori di 14 anni, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La Valle d’Aosta ha emesso un’ordinanza che vieta il trasferimento nelle seconde case. In zona rossa, è consentito svolgere l’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrando in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva.

Commenti
    Tags:
    dpcmdpcm pasquaitalia zona rossazona arancionecoronavirusgioverno draghiemergenza coronaviruscoronavirus newscoronavirus italiacosa si può fare pasquapasqua lockdownregioni zona rossavalle d'aostaseconde case pasquapasquetta regolepasqua regole
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.