A- A+
Coronavirus
Vaccini Covid, nei tribunali tedeschi 185 cause legali per danni. L'intreccio

La battaglia legale sui vaccini anti Covid si gioca in Germania. I legali tedeschi vogliono dimostrare un nesso causale tra vaccini e specifiche reazioni avverse dei cittadini

La battaglia vera si gioca in Germania, sarà Berlino il territorio che potrebbe chiudere ogni partita o aprirla definitivamente. E’ notizia, da alcuni giorni, che davanti ai tribunali tedeschi pendono almeno 185 cause civili per presunti danni da vaccinazione contro il Coronavirus. Uno dei quali è il famoso Comirnaty, denominato volgarmente Biontech/Pfizer e diffuso in tutto il mondo. Ma le azioni legali sono dirette contro tutti e quattro i principali produttori di vaccini anti Coronavirus. Fatto particolare è che Biontech è l’azienda nazionale tedesca di biotecnologia e biofarmaceutica che con Pfizer ha dato forma a quello a mRna, diventato anche uno degli obiettivi degli accusatori. Ma non è l’unica società o soggetto che finirà sul banco degli imputati.

Va compreso il quadro generale nel quale questa battaglia si gioca. Ursula von der Leyen, il presidente della Commissione UE, è tedesca ed è stata una delle più decise sostenitrice degli accordi con le case produttrici di vaccini anti Coronavirus. Il New York Times ha intentato causa alla Commissione Europea per non aver diffuso i contenuti dei messaggi scambiati tra la presidente von der Leyen e il CEO di Pfizer Albert Bourla, durante le negoziazioni per le forniture di vaccini contro il Coronavirus. Il New York Times ritiene che la Commissione UE avrebbe l’obbligo di rendere pubblici i messaggi, visto che potrebbero contenere informazioni dirimenti sugli accordi per la fornitura da vari miliardi di euro. In più è sempre la Germania, durante tutta la pandemia, ad aver dettato “la linea” delle misure da adottare per contrastare il virus, con il centro di ricerca per le malattie infettive Robert Koch Institute. E sempre in Germania esiste un forte movimento contrario ad ogni vaccinazione obbligatoria contro il Coronavirus, anche se in Europa è il Paese che ha visto con maggior positività le soluzioni governative. Secondo i sondaggi nazionali il 35% della popolazione si è espressa con fermezza contro il vincolo.

Principalmente due studi legali, di Düsseldorf e Wiesbaden, hanno raccolto circa 3.000 richieste di cause, le hanno vagliate e hanno ricevuto 850 mandati per procedere. Dopo attenta analisi 185 di questi casi sono sfociati in cause civili, che i due studi sostengono di poter vincere, per presunti danni causati dalle vaccinazioni contro il Covid. Da quel che si apprende dai quotidiani tedeschi i due studi legali rappresentano la maggioranza di coloro che sono disposti a intentare causa sul tema.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
biontechcause legalicoronaviruscoviddannigermanianew york timesrobert koch institutetribunali tedeschivaccinivon der leyen





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.