A- A+
Costume
8 marzo 2018, la messinscena dello sciopero delle donne

Sembra una barzelletta, ma non lo è. L’8 marzo va in scena il primo sciopero “sociale”. Finora si era scioperato per rivendicazioni contrattuali/retributive o politiche. Il comparto dei trasporti in Italia si ferma per un’astensione di 24 ore indetta dal sindacato Usb “contro ogni discriminazione di genere e ogni forma di violenza maschile sulle donne”. Fermi metro, bus, treni, aerei e taxi.

Il caos. Si pensi a una macro area come quella di Milano. La più ricca del Paese. Molti milanesi, uomini e donne, utilizzano autobus, metropolitane e tram per recarsi in ufficio. Nel capoluogo ogni giorno entrano 1 milione e mezzo di persone, alquanta parte delle quali viaggiano   con autobus e treni (di qui il plebiscito al neo eletto presidente della Regione Lombardia, il leghista Attilio Fontana, che in campagna elettorale ha semplicemente promesso: “Più efficienza”). Quasi la metà di questi lavoratori sono donne. Che tutti i giorni devono anche portare trafelate i figli alla scuola materna o elementare, che si affidano ai nonni o alle baby sitter.  Questo 8 Marzo sarà ricordato da tante di esse come una giornata più faticosa delle altre. Una collega, dopo aver letto la notizia, esclama furiosa “Ma che scioperò è!”. E conclude sconsolata con una battuta: “Vado lì e gli sparo”. Gli uomini? Anche loro inviperiti e stremati (senza neanche il tempo di fermarsi a comprare in santa pace le mimose). Che bella festa… le feste si celebrano in un contesto che funziona e in cui tutti sono sereni.

E’ vero. Secondo le ultime stime dell’Istat negli ultimi tre anni sono state 425mila le donne che hanno subito molestie in Italia. Sembra che in generale una donna su 10 nella sua vita sia stata così offesa. Cifre che si commentano da sole. Intanto il movimento “Non una di meno” è diventano una valanga dopo il caso del produttore molestatore di Hollywood: Harvey Weinstein.

Con tutto il rispetto, questo clima però sta, perlomeno in parte, sfuggendo di mano. Gli uomini sono spaventati: un invito a cena in ambito lavorativo secondo la legislazione può rientrare nella categorie della molestie! Si rifletta sulle quote rosa, ambito attiguo e in parte congruente con quello della molestie. E’ vero, di fronte a una situazione molto negativa il cambiamento va imposto. Ma le quote rosa (come quelle arancioni, gialle, grigie, verdi…) di per se stesse sono anti democratiche. La democrazia è l’individuo (di qui i principi liberali di elezione diretta, federalismo, liberismo). Gli uomini e le donne sono tutti diversi e liberi: la posizione si acquista per merito.

Tags:
8 marzo 2018 scioperosciopero 8 marzosciopero festa delle donnesciopero violenza donne
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.