A- A+
Costume
Cani a bordo e senza la gabbia: la svolta della compagnia aerea K9

K9 è una società di charter con base a Birmingham in Gran Bretagna


Chi viaggia con il proprio animale con l’aereo tutto si fa difficile. Per dare risposta a tutti coloro che vogliono volare con il cane al seguito, ma sono terrorizzati all’idea di doverlo sistemare in una gabbia in stiva, una compagnia appena nata, la K9 Jets, propone per l’amico animale un volo a fianco del suo pet mate. K9 - scrive www.kodami.it - è una società di charter con base a Birmingham in Gran Bretagna, ed è stata fondata dall'ex pilota Adam Golder. Il volo inaugurale pieno di cani di ogni razza e taglia, è decollato venerdì scorso da Teterboro, lo scalo per jet privati alle porte di New York, diretto a Farnborough, a sud ovest di Londra.
 

Leggi anche: La Compagnie, un anno di smart business class tra Milano e New York

 

La compagnia nasce con l'obiettivo di semplificare la vita delle persone che ogni volta che devono volare con il proprio animale, sanno che per lui il viaggio sarà in stiva (a parte per alcuni di piccola taglia – e non su tutte le rotte – che possono viaggiare con il passeggero) e che comunque si trovano davanti a infinite norme e regolamenti che cambiano da compagnia e compagnia.

La Federal Aviation Administration, infatti, ammette in cabina solo i cosiddetti "animali da servizio", come i cani per non vedenti ad esempio o di sostegno psicologico. Ammette anche quelli di piccola taglia che possono salire a bordo chiusi in una borsa o un trasportino da posizionare sotto il sedile. Oltre i 10 chili, però, non c’è altra scelta che sistemarli in una gabbia nella stiva dove vengono stipati i bagagli, un'opzione molto temuta a causa degli sbalzi delle temperature, la scarsa ventilazione e potenziali problemi nelle operazione di carico e scarico.

Una preoccupazione motivata, peraltro, dal numero di animali morti in volo per queste cause che secondo le stime del Department of Transportation sono stati addirittura circa 200 nell’ultimo decennio, sette solo lo scorso anno.

Quella offerta da K9 non è comunque un'opzione particolarmente a buon mercato: il volo transatlantico costa 9mila dollari se si acquista il posto a sedere anche per il cane, un pochino meno se lo si fa accucciare per terra. Ma il prezzo non sembra preoccupare i viaggiatori, visto che da maggio a settembre, K9 Jets ha già 17 voli programmati di cui otto sono già esauriti.

Le linee offerte finora sono quelle tra tra New York e Parigi, Lisbona e Londra, ma Golder ha già dichiarato al Times che, grazie alla domanda sempre più crescente, la compagnia ha in programma di aggiungere altri voli quest'estate e in autunno potrebbe espandersi in città come Dubai. Chissà che prima o poi non arrivi anche in Italia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cane aereo





Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.