A- A+
Costume
Polpe di pomodoro, ecco la migliore Costa solo 1,31 euro a confezione

Senza pesticidi e muffe

La rivista svizzera K-tipp, ha condotto uno studio per valutare la presenza di glifosato nella pasta. Ben 10 dei 13 prodotti testati hanno mostrato la presenza di residui di glifosato. E’ importante sottolineare che le quantità analizzate non sono alte e non superano i limiti di legge, ma comunque sia resta un problema perché si tratta sempre di sostanze dannose.

I 4 marchi di pasta italiani più importanti che molto spesso portiamo sulle nostre tavole sono i seguenti:

Agnesi (tagliolini)
Divella (spaghetti)
Garofalo (spaghetti)
Lidl Combino (tagliatelle)
che non sono fortunatamente distribuite nei punti vendita italiani

Per quanto riguarda la pasta biologica, questa ha ottenuto ottimi risultati. Infatti, in nessuno dei 5 prodotti testati è stato trovato glifosato o altri pesticidi. I marchi di pasta italiani senza glifosato sono:

Combino Bio (spaghetti integrali) si trovano anche nei supermercati italiani della catena LidlBarilla (spaghettoni integrali e le penne integrali)

Il sito dell’AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) - come risporta il sito www.latuadietapersonalizzata.it - definisce il glifosato l’erbicida più diffuso e utilizzato al mondo. Dopo diverse analisi, la IARC di Lione lo ha classificato nel “gruppo 2A”, ovvero tra i probabili cancerogeni come lo sono: DDT, carni rosse e steroidi anabolizzanti. Per “probabili cancerogeni” si intende che ci sono prove significative sui test con animali, ma invece non ci sono prove sufficienti per dimostrare l’azione cancerogena nell’uomo.

Non essendoci abbastanza prove al riguardo, le autorità internazionali hanno predisposto dei livelli massimi di utilizzo e il divieto di usarlo in aree molto popolate. L’EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) al riguardo ha dichiarato che è improbabile che il glifosato sia cancerogeno per l’uomo, ma comunque sia ha emanato nuovi livelli di sicurezza e altri controlli più severi.

L’ECHA (Autorità europea per le sostanze chimiche) invece definisce il glifosato come una sostanza che può creare lesioni oculari e tossica per gli organismi acquatici. Non lo definisce cancerogeno, mutageno o tossico per l’uomo.

Ogni Paese europeo presenta un approccio diverso all’utilizzo del glifosato: ad esempio, in Olanda è vietata la vendita di glifosato ai privati, mentre in Francia l’obiettivo è quello di eliminarlo del tutto.

Dal 2016, l’uso del glifosato in Italia è vietato nelle zone “frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili (giardini, parchi, campi sportivi e zone ricreative, cortili, aree gioco per bimbi, aree verdi interne a scuole e strutture sanitarie).

Fonte: ilsalvagente.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
polpe di pomodoro





in evidenza
World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

La “Pietà” di Gaza

World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

motori
Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.