A- A+
Cronache
Carne, allarme Trichinellosi: cos'è, i sintomi e come evitare l'infezione

I sintomi della Trichinellosi, l'infezione da Trichinella, possono essere scambiati con quelli dell'influenza

È allarme Trichinellosi, una malattia causata da un parassita trasmesso dagli animali all'uomo. In particolare, l'infezione insorge mangiando carne cruda o poco cotta di suini, cinghiali o equini che contiene larve di Trichinella. Succede soprattutto per le carni e i loro derivati (ad esempio le salsicce fresche) provenienti da animali non sottoposti a controlli veterinari.

Inizialmente la Trichinellosi, non presentando sintomi caratteristici, può essere scambiata per influenza, anche perché la maggior parte delle infezioni si verifica in inverno, in concomitanza con il periodo di attività dell'influenza appunto. 

L'infezione da Trichinella

Le larve di Trichinella, lunghe circa un millimetro, dopo essere state ingerite passano all’intestino tenue e nell’epitelio intestinale dove si sviluppano fino allo stadio di adulto e, al quarto giorno dopo l’infezione, si riproducono. Le larve neonate migrano nei muscoli striati, dove penetrano modificando la cellula in cellula nutrice. All’interno di queste ultime, le larve possono sopravvivere anche per anni, in attesa di essere ingerite da un nuovo ospite.

La gravità dell’infezione è legata principalmente alla quantità di larve ingerite ed è molto variabile. Può presentarsi in forma benigna mentre nei casi gravi può portare a complicazioni cardiocircolatorie, respiratorie o neurologiche e anche al decesso.

I sintomi della Trichinellosi

In generale, si ha un caso probabile di Trichinellosi quando sono presenti almeno tre di questi sintomi: febbre, dolore muscolare, diarrea, edema facciale, eosinofilia (un aumento del numero di eosinofili nel sangue periferico), emorragia sottocongiuntivale, sottoungueale e/o retinica dopo un'esposizione a carne infetta o a una fonte comune. La diagnosi viene poi confermata attraverso esami specifici.

Come evitare l'infezione da Trichinella

In Europa sono presenti quattro specie di Trichinella, tra cui la T. Spiralis ovvero la più patogena per l’uomo e anche quella meglio adattata ai suini domestici e selvatici.

Per prevenire l’infezione è necessario consumare carni ben cotte.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sintomitrichinellatrichinellositrichinosi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

MediaTech

Affari in Rete


in vetrina
Piogge forti e nevicate copiose su tutta Italia

Piogge forti e nevicate copiose su tutta Italia





motori
CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.