A- A+
Cronache
Batterie esauste, nuovo business della 'ndrangheta: così si avvelena l'Italia

'Ndrangheta, nuovo business: smaltire rifiuti speciali ha un costo ma non per tutti. C’è chi paga per avere le batterie esauste

Il business delle batterie esauste è il segreto di Pulcinella. Basta navigare su Facebook e trovare decine di soggetti, regione per regione, che si propongono di comprarne pagando anche cifre interessanti. Siamo nell’efficiente Nord Italia. “Euro 1000, ritiro rame cavo ottone batterie esauste”. “Euro 555, ritiro batterie”. “Euro 50, batterie esauste”. E via di seguito. Come immagini appaiono cataste di batterie di ogni tipo e come l’indicazione territoriale il luogo del soggetto che ritira. Fatto apparentemente anomalo perché lo smaltimento avrebbe un costo e non un guadagno per chi le detiene.

Saranno sicuramente tutti in regola, non lo mettiamo in dubbio, ma come fanno a ritirarle pagando anche cifre così interessanti? Lo smaltimento dovrebbe essere effettuato solo da aziende autorizzate, visto che sono rifiuti pericolosi che contengono anche componenti tossici. Smaltire rifiuti speciali ha un costo e così il mercato dell’illecito è cresciuto in modo esponenziale nel Belpaese. Il fenomeno è in grande crescita. Da un'inchiesta della Dda di Catanzaro emerge che le cosche locali della 'ndrangheta si siano buttate a pesce nel business.

Le batterie esauste di automobili, trattori, mezzi pesanti, camion e treni sono merce che finisce nel mercato nero per il valore dei metalli, tra questi soprattutto il piombo. Funziona così. Una rete fatta principalmente di comunità di nomadi gestisce la parte più problematica: i liquidi tossici delle batterie da smaltire. Queste componenti tra cui l’acido solforico, vengono sversati nei campi inquinando i terreni che rischiano di essere resi sempre più acidi, con la possibilità di aggressione anche della falda. Il resto del materiale viene recuperato e rivenduto, anche la plastica.

I container di batterie, per tonnellate e tonnellate, hanno come destinazione l’Est Europa, principalmente la Romania, dove ricevono il trattamento di recupero, con l’estrazione dei metalli di valore, rivenduti sul mercato del continente. L’acido solforico se non è già sparito in sversamenti in Italia “scompare” lì. Secondo il rapporto di Catanzaro invece un carico con la parte tossica sarebbe stato interrata in provincia di Caserta a Marcianise. Immaginabile vi sia il lasciapassare dei clan della Camorra.

Il mercato è comunque florido e il guadagno si aggira dai 1500 ai 1800 euro a tonnellata, grazie al riciclaggio di metalli, sopratutto del piombo, secondo l’informativa acclusa all’inchiesta delle Dda di Catanzaro. La ‘ndrangheta vede nei rifiuti speciali un settore in grande crescita e si è inserita nel business abbattendo i costi di sfasciacarrozze, meccanici, officine e autorimesse. Molte volte le batterie vengono addirittura rubate dalle officine meccaniche che si ritrovano improvvisamente svuotate. Molte raccontano di razzie vere e proprie dal tenore inspiegabile: l’obiettivo sono solo le batterie esauste.

Una pratica che va avanti da più di un decennio a cui nessuno sembra voler mettere mano. Al massimo, se qualcuno mai intervenisse, caricherà di altri balzelli il singolo spostando il problema dall’unità alle centrali per la solita operazione retorica di facciata. Vedere tutto questo e contemporaneamente gli attivisti ecologisti che imbrattano i quadri di Da Van Gogh, Monet e Klimt, per sensibilizzare sull’inquinamento ha un non so che di ridicolo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
‘ndrangheta1800 euroacido sversatobatterie esaustebusinesscasertaecologistiinquinamentomarcianise
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.