A- A+
Cronache
Carceri e sovraffollamento, Gratteri: "Ai domiciliari i tossicodipendenti"

Nicola Gratteri

Carceri e sovraffollamento, l'intervento del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri al convegno sulla crisi del sistema carcerario 

È intervenuto anche il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri al convegno che si è svolto nel carcere di San Vittore, a Milano, "La crisi del sistema carcerario – e la polizia penitenziaria: non solo sovraffollamento", ben organizzato da Daniela Caputo, Segretaria dell’Associazione nazionale di Polizia penitenziaria e moderato dal direttore di affaritaliani.it Angelo Maria Perrino.

Il pm calabrese, impegnato in prima linea nella lotta alla mafia, è molto stimato dalla Polizia penitenziaria, come ha sottolineato il direttore Perrino. Gira voce infatti, che, al termine della sua esperienza professionale a Catanzaro (non più prorogabile), Gratteri possa andare a ricoprire il ruolo di Capo del Dap, il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, oggi ricoperto dal magistrato Carlo Renoldi, scelto lo scorso marzo dall’ex ministra della Giustizia Marta Cartabia.

perrino gratteri morroneIl procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri a sinistra, Jacopo Morrone della Lega al centro e il direttore di affaritaliani.it Angelo Maria Perrino a destra

La casella del Dap potrebbe rientrare tra quelle nomine con cui la nuova maggioranza di Centrodestra, marcherà la discontinuità con il governo Draghi. Al convegno hanno partecipato anche Andrea Delmastro, sottosegretario alla Giustizia di Fratelli d’Italia, e Jacopo Morrone, membro della commissione Giustizia alla Camera dei deputati.

A giudicare dal feeling tra il procuratore Gratteri e gli esponenti della maggioranza presenti oggi a San Vittore, non è escluso che il magistrato, dopo l’esperienza nel capoluogo calabrese, possa approdare al Dap (l’incarico è di nomina politica). Per il problema annoso del sovraffollamento, Gratteri ha messo sul tavolo diverse idee.

GUARDA IL VIDEO DEL CONVEGNO CON IL PROCURATORE GRATTERI E IL DIRETTORE PERRINO

 

“Proviamo a mettere ai domiciliari i detenuti tossicodipendenti, con percorsi di terapia, e facciamo una formazione adeguata agli agenti”, ha proposto il procuratore. Nel corso dell’evento Gratteri ha definito di “serie C” la polizia penitenziaria, gettata in uno stato di “depressione e frustrazione” dalle istituzioni che non se ne curano. A cominciare dalle scuole di formazione: “Nelle scuole ci deve andare gente che sul campo ha dimostrato di saper fare qualcosa, non gli amici degli amici. Altrimenti le lezioni diventano una passerella e i ragazzi non imparano nulla”.

Gratteri poi ha puntato il dito contro le Rems, le strutture sanitarie dove accogliere detenuti affetti da disturbi mentali o socialmente pericolosi, che ancora “non esistono se non sulla carta”. Il magistrato ha sottolineato che polizia e detenuti hanno bisogno di psicologi e psichiatri, in carcere e nei tribunali: “Dobbiamo fare una selezione, perché siamo pieni di processi con consulenze o perizie false di medici compiacenti che scrivono che un imputato è pazzo anche se finge di esserlo”.

TARGA PERRINOLa targa consegnata al direttore di affaritaliani.it Angelo Maria Perrino

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid





motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.