A- A+
Cronache
"Chico Forti trattato come una star". Verona, "rivolta" degli altri detenuti

Chico Forti, le proteste degli altri carcerati per i trattamenti di favore: pure il cuoco professionale che prepara pranzi e cene

Chico Forti è stato trasferito dal carcere americano a quello italiano di Verona e le cose per lui sembrano parecchio cambiate. Il 65enne tornato nel nostro Paese grazie alla concessione dell'estradizione da parte degli Stati Uniti, deve scontare l'ergastolo per la condanna definitiva subita negli Usa e riconosciuta anche dall'Italia. Ma gli altri detenuti del carcere di Verona - riporta Repubblica - lamentano un trattamento di favore nei suoi confronti: "Lo trattano come una star". Secondo i suoi compagni di prigione, Forti farebbe giri del carcere come se fosse un ispettore ministeriale e si sarebbe anche meravigliato per come si mangia bene grazie al cuoco professionale che gli prepara pranzi e cene.

Leggi anche: Le Iene e Travaglio, botta e risposta per il servizio rimosso su Chico Forti

Inoltre avrebbe accesso al reparto infermeria, quello con la famosa Playstation - riporta Repubblica - che usava Filippo Turetta, il killer di Giulia Cecchettin. Sono passati pochi giorni dal suo arrivo e già nel penitenziario veronese c’è aria di rivolta per questo detenuto "eccellente", prima celebrato dalla premier Giorgia Meloni e ora servito e riverito da tutta la catena di comando dell’istituto di pena. "Venga qua con noi a vedere che inferno è questo", dicono gli altri carcerati indignati ai loro familiari, che già hanno cominciato a riportare le lamentele all’associazione "Sbarre di zucchero". "Si auspica che la celere tempistica nel rilascio del permesso divenga un trattamento riservato indiscriminatamente a tutti i detenuti", scrive in una nota ufficiale il consiglio direttivo, in merito alla concessione fatta a Forti di andare a trovare la madre.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove

Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove





motori
ADAC Opel Electric Rally Cup: leadership verde nei rally europei

ADAC Opel Electric Rally Cup: leadership verde nei rally europei

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.