A- A+
Cronache
Costa Smeralda, donna marocchina massacrata di botte e uccisa

Sarebbe stata massacrata di botte, tra domenica e lunedì, durante un festino a base di droga e alcol in una casa sulle colline di Baja Sardinia, in Costa Smeralda, nel comune di Arzachena (Sassari).

Potrebbe essere questo lo scenario che ha portato alla morte Zeneb Badid, 34enne marocchina, i cui presunti assassini sono stati arrestati dai Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia.

La donna era stata ricoverata in ospedale al Giovanni Paolo II di Olbia, ma ieri notte è morta in seguito alle gravi lesioni subite. In manette sono finiti due suoi connazionali Jalal Hassissou, 40 anni, e Soufyane El Khedar, 36 anni. I carabinieri sono a lavoro per ricostruire la dinamica del pestaggio.

In queste ore è prevista l'udienza di convalida da parte del giudice del tribunale di Tempio Pausania.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
costa smeraldadonna massacrata di bottedonna uccisa costa smeralda
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza





casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.