A- A+
Cronache
Energia alle stelle, a Siena lampioni accesi dalle 9 del mattino: che spreco

Sprechi degli enti pubblici. Luci accese alle 9 del mattino nel centro storico di Siena mentre l’energia è alle stelle. Nessuno interviene

Sta succedendo di nuovo a Siena. L’energia costa oro, basti guardare il prezzo della benzina oltre i 2 euro, ma nella città toscana i lampioni sono accessi alle 9 del mattino. Viva lo spreco, viva l’abbondanza, verrebbe da dire. Ma è accettabile una situazione del genere? I cittadini sono alle prese con bollette salatissime, anche 4 volte quelle di pochi mesi fa, e il Comune di Siena si permette di sprecarla così? Tanto la pagano ancora i cittadini, indirettamente con le tasse.   

Cosa ne penserà il premier Mario Draghi, quello che disse: “Cosa preferiamo la pace o il condizionatore acceso tutta l’estate?”. Ma quali condizionatori? Qua siamo allo spreco puro! 

GUARDA LE FOTO

siena luci accese
 

A Siena, come avevamo raccontato settimane fa, i lampioni del centro storico si accendono di giorno. E’ successo di nuovo, martedì scorso. Si vedono le luci nelle foto inviateci da alcuni lettori nella via principale, Banchi di Sopra, in via di Città, alla Costarella, a Fontebranda, a 100 metri dalla bellissima Piazza del Campo.

Come a maggio facemmo vedere le immagini del centro storico della città, tutto illuminato dai lampioni artificiali con il sole a picco nel cielo così è oggi. Non è cambiato nulla. Dal Comune nessuna comunicazione che possa spiegare l’accaduto. 

siena luci accesesiena luci accese
 

Gli enti pubblici avrebbero il dovere di una maggiore vigilanza sugli sprechi dell’illuminazione pubblica eppure...

siena luci accesesiena luci accese
 

 

 

 

 

 

 

siena luci accesesiena luci accese
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avevamo raccontato situazioni simili e intermittenti accadute a San Benedetto del Tronto e a Bologna mentre il premier sbraitava contro anche solo l’uso dell’energia.

 

In queste ore Fatih Birol, uomo ai vertici dell’Agenzia internazionale dell’energia, che la decisione della Russia di ridurre le forniture di gas ai Paesi europei potrebbe portare a ulteriori gravi problemi. “L’Europa dovrebbe essere pronta nel caso in cui il gas russo fosse completamente interrotto”, ha detto un’intervista al Financial Times. Il problema vero resta l’inverno ma i movimenti dei russi fanno pensare che si voglia evitare che i Paesi che acquistano gas da Mosca preparino gli stoccaggi per la stagione più rigida.

Intanto il ministro della transizione ecologia Cingolani ha deciso di non passare dallo stato di pre-allarme a quello di allarme per non far lievitare ancora i prezzi e favorire gli speculatori. Ma Terna, che controlla la rete elettrica nazionale è stata attivata per l’acquisto di carbone e capire come ridurre il costo del metano.
La situazione si fa incandescente. E intanto a Siena non cambia niente.

siena luci accese
 

siena luci accese
 

siena luci accesesiena luci accese
 

siena luci accesesiena luci accese
 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    benzinacingolanicondizionatoridraghienergiagasguerra ucrainaluci accese giornorussiascandalosienaspreco
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo





    motori
    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.