A- A+
Cronache
Eni-Shell Nigeria: il tribunale di Milano non concede risarcimenti al governo

I giudici hanno rigettato le richieste avanzate dal difensore Lucio Lucia, legale della Repubblica Federale della Nigeria

Il tribunale di Milano non concede alcun risarcimento al governo nigeriano, nel processo per presunta corruzione internazionale che ha visto imputati Eni, Shell, diversi loro top manager, intermediari di spicco e un ex ministro del Petrolio della Nigeria nell’acquisizione dell’immenso blocco petrolifero Opl245, sito nelle acque antistanti la Nigeria, e che sono stati assolti in primo grado

Per la corte d'appello di Milano il governo della Nigeria non ha diritto ad alcun risarcimento danni nel procedimento relativo alla concessione petrolifera Opl245. Il processo ha visto Eni e Shell imputate, insieme ai loro manager, in relazione all'acquisizione della licenza petrolifera nigeriana Opl245. 

I giudici hanno rigettato le richieste avanzate dal difensore Lucio Lucia, legale della Repubblica Federale della Nigeria, che aveva chiesto di valutare i danni in separata sede e una provvisionale pari alla somma versata per i diritti di esplorazione del giacimento.

Le motivazioni saranno rese note entro 90 giorni. Il processo d'appello doveva valutare solo le richieste civili dopo che lo scorso 19 luglio la procura generale aveva rinunciato all'appello. In primo grado tutti gli imputati erano stati assolti dall'accusa di corruzione internazionale.

Opl245 è il più grande blocco petrolifero della Nigeria, situato nel Golfo di Guinea, a 150 chilometri al largo della costa. Ha due campi petroliferi, Etan e Zabazaba, con riserve stimate e mai provate fino a 9 miliardi di barili di petrolio.

Nel maggio 2021, il governo della Nigeria non ha autorizzato lo sfruttamento della licenza petrolifera Opl245 a seguito della decadenza dei diritti e del permanere di processi penali in corso in Italia e in Nigeria per stabilire se l’intera operazione è stata macchiata da corruzione. Per la precisione, la licenza per il blocco è scaduta l’11 maggio 2021, dieci anni dopo che Eni e Shell l’avevano acquistata. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
appellocorruzione internazionaleenimilano
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti


in vetrina
Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1

Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1





motori
GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.