A- A+
Cronache
Everest: il ghiaccio arretra e riemergono i corpi di centinaia di alpinisti

Everest: il ghiaccio arretra e riemergono i corpi di alpinisti

Sulle pendici dell'Everest il cambiamento climatico sta sciogliendo strati di neve e ghiaccio, facendo riemergere i corpi di centinaia di alpinisti morti nel tentativo di raggiungere il tetto del mondo. Tra coloro che quest'anno hanno scalato la vetta piu' alta dell'Himalaya c'era una squadra il cui obiettivo non era raggiungere la vetta di 8.849 metri, ma recuperare i resti di esistenze dimenticate. Tra molti rischi, il team ha gia' recuperato cinque corpi congelati, poi riportati a Kathmandu, la capitale nepalese.

Due sono stati pre-identificati in attesa di "test dettagliati" per confermare la loro identita', secondo Rakesh Gurung del ministero del Turismo del Nepal. Questa campagna nepalese tra l'Everest e le vicine vette Lhotse e Nuptse e' difficile e pericolosa. "A causa degli effetti del riscaldamento globale, corpi e rifiuti diventano sempre piu' visibili man mano che la copertura nevosa diminuisce", dice Aditya Karki, maggiore dell'esercito nepalese a capo di una squadra di 12 soldati e 18 alpinisti. Piu' di 300 persone sono morte sulla vetta dall'inizio delle spedizioni negli anni '20, di cui otto solo nell'ultima stagione. Molti corpi sono rimasti indietro, alcuni nascosti dalla neve o nei crepacci profondi. Altri, ancora vestiti con la loro colorata attrezzatura da arrampicata, sono diventati punti di riferimento per la vetta per gli scalatori, portando soprannomi come "Stivali verdi" o "La bella addormentata".

Molti corpi vengono ritrovati nella "zona della morte", dove bassi livelli di ossigeno aumentano il rischio di mal di montagna acuto e alla fine diventano fatali oltre una certa durata. Ci sono volute 11 ore per liberare uno dei cadaveri bloccato nel ghiaccio fino al torso, e per liberarlo con acqua calda ed estrarlo con un'ascia. "E' estremamente difficile", insiste Tshiring Jangbu Sherpa, che ha guidato la spedizione. Secondo la guida, alcuni corpi sono ancora quasi come al momento della morte, vestiti con l'equipaggiamento completo, con ramponi e imbracatura. Il recupero in alta quota rimane un argomento controverso nella comunita' degli alpinisti. E' un'impresa che costa migliaia di dollari e richiede fino a otto soccorritori per ciascun corpo. In alta quota e' difficile trasportare carichi pesanti, ma un cadavere puo' pesare piu' di 100 chili. Per Aditya Karki, tuttavia, questo sforzo e' necessario.

"Dobbiamo riportarli indietro il piu' possibile", dice, "se continuiamo a lasciarli indietro, le nostre montagne si trasformeranno in cimiteri". Durante le missioni, i corpi vengono spesso avvolti in un sacco e poi trasportati con la slitta. Un corpo ritrovato vicino alla vetta del Lhotse, la quarta piu' alta del mondo con i suoi 8.516 metri, e' stato uno dei piu' difficili da scendere, testimonia Tshiring Jangbu Sherpa. "Il corpo era congelato, le mani e le gambe aperte". "Abbiamo dovuto trasportarlo cosi' com'e' al Campo 3, e solo allora e' stato possibile trasferirlo su una slitta".

Se il corpo di George Mallory, alpinista britannico scomparso nel 1924, fu finalmente ritrovato nel 1999, quello del suo compagno di scalata, Andrew Irvine, non fu mai ritrovato. E nemmeno la loro macchina fotografica, che potrebbe fornire la prova di una scalata riuscita che potrebbe potenzialmente riscrivere la storia dell'alpinismo. L'intera campagna, con un budget di oltre 600 mila dollari, ha mobilitato 171 guide e facchini nepalesi per riportare indietro 11 tonnellate di rifiuti. Tende fluorescenti, attrezzatura da arrampicata in disuso, bombole di gas vuote ingombrano la strada verso la vetta. "Le montagne ci hanno dato tante opportunita'", osserva Tshiring Jangbu Sherpa, "dobbiamo restituirgliele". 

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.