A- A+
Cronache
I rischi dello smartphone come "ciuccio digitale" - I consigli della psicologa
Foto di asderknaster da Pixabay 

Intervista a Sabrina Priulla, Psicologa - Responsabile Progetti Piramis Onlus

Siamo in un mondo ultramoderno, cosa pensa dei genitori super moderni?

"Il progresso viaggia veloce e può essere molto positivo. È l’utilizzo che viene fatto di questa modernità che può diventare positivo o meno, nel caso dei genitori non condivido l’utilizzo della tecnologia come ciuccio digitale".

"Ciuccio digitale", cosa intende?

"Alcuni genitori mi raccontano di aver usato il cellulare a tavola per calmare i bambini nelle prime occasioni di capricci e poi questa è diventata un’abitudine. Ma perché i bambini davanti allo schermo smettono immediatamente di urlare, di agitarsi o di disperarsi? È vero che lo schermo ha un positivo effetto calmante? Secondo gli esperti che si occupano del benessere dei bambini, accanto a questa interpretazione c’è il grande rischio di alimentare in questo modo una dinamica di dipendenza. Apparentemente il bimbo davanti allo schermo sembra aver placato il suo disagio, ma la verità è che in realtà semplicemente se ne dissocia. Il bambino non elabora la sua emozione, semplicemente, calmandosi davanti allo schermo, impara a non sentire più ciò che gli accade dentro. Il ruolo dell’adulto è invece quello di insegnare al bambino a risolvere (non a negare o a dimenticare) il suo disagio emotivo, attraverso le relazioni con gli altri. Nei primi anni di vita “gli altri” sono generalmente la mamma e il papà e poi gli educatori, gli insegnanti, i compagni e gli amici. Nel confronto con “l'altro”, fatto di parole, di sguardi e di contatto, il bambino impara a riconoscere e a capire le proprie emozioni, a comprendere e poi gestire il proprio disagio. Ognuno di noi, soprattutto in tenera età, ha diritto ad affrontare la propria frustrazione, a sentire la delusione, a vivere le proprie emozioni per imparare a conoscerle e a gestirle. Utilizzare un cellulare per interrompere un pianto può essere comodo, soprattutto se si ha fretta, si è in pubblico e ci si sente in difficoltà. Ma pensiamo davvero che sia la soluzione migliore? Il bambino così non gestisce le sue emozioni, le blocca!".

Perché i genitori non sanno gestire queste emozioni dei più piccoli e cercano una scorciatoia?

"Questa credo che sia la domanda delle domande. Il compito genitoriale è sicuramente complesso e nessuno ci insegna ad essere genitori. Né tanto meno bravi genitori. Non esiste la ricetta magica. Esistono però delle linee guida, a seconda dei diversi approcci scientifici, che possono supportare questo compito. La tecnologia ha forse complicato maggiormente il lavoro genitoriale. Non solo per definire al meglio come e quando avvicinare i propri figli all’uso della tecnologia ma soprattutto per il fatto che, spesso, sono proprio i genitori che abusano dello smartphone, sottraendo così tempo per stare con i bambini a favore dei vari social network. La frase più comune, nelle ricerche condotte riguardo al rapporto tra i ragazzi, la tecnologia e la famiglia, è «un attimo». Esattamente quella che dice il genitore al figlio che lo sta chiamando, mentre ha lo smartphone in mano. Per quanto riguarda l’età per l’accesso dei figli agli smartphone e al mondo digitale purtroppo continua ad abbassarsi, nonostante ci siano molti inviti a non farlo. La Società italiana di pediatria giudica non opportuno proporre ai bambini dispositivi digitali prima dei due anni e comunque invita i genitori a non utilizzare mai lo smartphone per calmare o distrarre i bambini, durante i pasti o prima di andare a dormire. Le stesse case produttrici di cellulari ne consigliano l’uso solo dopo i 13 anni. Se poi entriamo nel merito dei social network sappiamo ormai che l’età per l’accesso è stata regolamentata. Ma se il genitore permette al figlio di utilizzarlo, non c’è nessun obbligo di legge che possa evitarlo. I genitori devono ricordarsi di avere la responsabilità genitoriale. E devono sapere dire di no. Per il bene dei bambini e dei ragazzi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
smartphonesmartphone abuso
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni





motori
La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.