A- A+
Cronache
Il grande pericolo dell'Identità digitale: "Sfruttamento dei dati biometrici"
Azienda e digitale

Incognite e controllo nell’ID digitale mondiale. Il WEF pensa a possibili soluzioni

"Forse i maggiori rischi derivanti dall'identificazione digitale sono l'esclusione, l'emarginazione e l'oppressione", scrive lo studio “Reimagining Digital ID”, pubblicato a giugno dal World Economic Forum che per la prima volta riconosce il pericoli dell’identità digitale voluta da molti Stati. "I dati sensibili, come i dati biometrici, comportano un alto rischio di sfruttamento", spiega il report, "ciò è particolarmente preoccupante nel caso di comunità emarginate come i rifugiati perché può facilitare il targeting discriminatorio".

E ancora: “Spesso sono i membri di gruppi storicamente emarginati che affrontano le forme più dure di esclusione”. Tutto questo però a fronte di “circa 850 milioni di persone nel mondo che non hanno ancora un documento d'identità ufficiale, mentre alcuni di coloro che hanno un documento d'identità lottano con la mancanza di controllo sulla privacy e sui dati”.

Una “tecnologia” quindi con punti di forza e punti di debolezza. Ovviamente lo studio non stigmatizza casi specifici di applicazioni improprie di Stati o società anche se cita alcuni esempi di organismi che usano, useranno o stanno già lavorando con l’identità digitale: alcuni governo la applicano per l’esercizio elettorale, così le banche per l’accesso ai servizi, altri settori specifici, lo fanno le piattaforma dei social (Swedish BankID, Gov.UK Verifica, Meta, Google, VCI, in alcune compagnie per il trasporto aereo Internazionale, negli abbonamento di viaggio dell'Associazione IATA di Montreal, l’Identità Digitale-NDI-per Governo del Bhutan Nazionale).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
id digitalepuniresorvegliarewefworld economic forum
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO





motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.