A- A+
Cronache
La strage dei bancari:in un anno mille posti di lavoro in meno nel Lazio

Circa mille bancari in meno e ben 71 filiali chiuse che diventano 319 se rapportati ai dati del 2017. Questa la situazione del settore bancario nel Lazio nel 2020, dove è come se da un anno all’altro fossero spariti tutti i bancari dell’intera provincia di Frosinone o di Latina.

Un calo, questo del Lazio, pari al 3,5% ovvero superiore a quello nazionale (-2,45%) e purtroppo in continua evoluzione. A cui si aggiunge la realtà dei singoli comuni serviti dal sistema bancario: erano 248 nel 2017, 218 a fine 2020. Ben 30 comuni della regione, ovvero più del 12%, quindi, sono stati abbandonati dal sistema bancario, con tutto quello che ne consegue sia in termini di disagio per famiglie e pensionati sia per quanto riguarda le piccole aziende, parte fondamentale dell’intero sistema economico del nostro Paese. Anche in questo caso, il confronto con la media del Paese è impietoso: il 57,67% dei comuni del Lazio ha attualmente almeno una filiale bancaria, contro il 64,5% a livello nazionale. 

Alberto Civica, Uil Lazio: "Situazione gravissima"

“Una situazione gravissima - commenta il segretario generale della Uil Lazio, Alberto Civica - che purtroppo si protrae da un po’ di tempo ormai. Già negli anni scorsi avevamo lamentato il trasferimento di importanti gruppi bancari da Roma a Milano, adesso in pandemia la situazione si è ulteriormente aggravata. Ciò significa meno posti di lavoro, anche di quel lavoro precedentemente considerato garantito, ma anche perdita di attrattivita’ della nostra regione che vede emigrare troppo spesso ormai non solo i cervelli, ma anche le aziende. Con risvolti pessimi sull’economia e sul sociale. Pensiamo ad esempio ai tanti pensionati ma anche ai semplici clienti bancari costretti a spostarsi in un paese vicino per effettuare magari un semplice prelievo o un’operazione di sportello. Spostamento che tra l’altro, tra chiusure e lockdown, diventa anche particolarmente impegnativo”. 

“A ciò - secondo Sergio Ianniello segretario generale della Uilca del Lazio che ha elaborato i dati – si aggiunge il timore, più volte confermato dalla cronaca, che laddove non ci sia più una banca ad erogare prestiti, l’usura possa prendere il sopravvento. La scomparsa degli sportelli bancari ha riguardato lo scorso anno ben sette comuni: due del viterbese, due del reatino e tre della provincia di Frosinone, territorio quest’ultimo duramente colpito dal fenomeno già negli anni precedenti”. 

Commenti
    Tags:
    bancaridipendenti bancheistituti di creditosportelli bancarifiliali banchealberto civicauil
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Juventus e Pirlo, che disastro Ironia social post flop vs il Milan

    Sport

    Juventus e Pirlo, che disastro
    Ironia social post flop vs il Milan

    i più visti
    in vetrina
    Meteo choc, in arrivo forti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo

    Meteo choc, in arrivo forti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb

    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.