A- A+
Cronache
Migranti, naufragio a largo di Lampedusa, morto neonato. Aperta un'inchiesta
migranti su barcone

Migranti, naufragio a largo Lampedusa: morti neonato e adulto

Le motovedette della Guardia Costiera hanno recuperato, a 38 miglia dalle coste di Lampedusa, i cadaveri di un adulto e un neonato vittime di un naufragio. Un altro neonato è stato rianimato dai soccorritori. In 30, invece, sono stati salvati. Il cadavere di una donna è stato poi recuperato da uno dei due pescherecci tunisini che si sono occupati dei soccorsi dei migranti finiti in acqua. Salgono a quindi a tre le vittime del naufragio registratosi in tarda mattinata. 

Migranti, morti nel naufragio: aperta un'inchiesta

La procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un'inchiesta sul naufragio. Le ipotesi di reato, a carico di ignoti, sono di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e morte quale conseguenza di altro reato. I trenta superstiti saranno interrogati dalla Squadra mobile.

Migranti, bimbo di 18 mesi da Lampedusa in elisoccorso a Palermo

Un bambino di 18 mesi, dei 30 salvati nel naufragio che si è verificato a poche miglia da Lampedusa, sta per essere trasferito a Palermo in elisoccorso, in ventilazione assistita. Altri pazienti, circa 7, sono invece in osservazione presso il Poliambulatorio ma le loro condizioni non sono gravi. I due corpi senza vita recuperati, un adulto e un bambino, non sono ancora stati visti dai medici perché questi ultimi sono impegnati nel fornire soccorso ai superstiti.

Migranti, sindaco Lampedusa; è come stare in guerra, serve task force

"Qui non ci siamo mai fermati. Speravo che con l'arrivo dell'inverno gli sbarchi si fermassero ma ad oggi non è stato così. Oggi è il 6 gennaio e dal primo del mese gli arrivi nell'Isola sono stati oltre 2 mila. Abbiamo dovuto far fronte a 7 soccorsi nelle ultime 12 ore. Ieri c'è stato anche un morto, altri due morti oggi. Serve puntare un faro su Lampedusa e sul problema perché qui è come stare in guerra".

Così il sindaco di Lampedusa Filippo Mannino, in seguito ai continui sbarchi che si stanno susseguendo nelle ultime ore sull'Isola."All'interno dell'hotspot siamo ad oltre 1300 presenze - prosegue . per domani è previsto l'arrivo di una nave umanitaria che ne porterà via circa 500, forse anche in serata alcuni verranno trasteriti a bordo di traghetti di linea. Il problema è che questo continua ad essere un numero costante, non c'è tregua, soprattutto per la macchina del soccorso, che ringrazio: è gente stremata che lavora giorno e notte. Anche la macchina dell'amministrazione comunale lavora incessantemente: dalla ricerca delle bare ai servizi dell'hotspot, le fogne, la gestione dei barchini che vengono abbandonati. Serve sedersi, il prima possibile, attorno ad un tavolo, a livello nazionale, con tutti gli enti coinvolti, per fare una task force", conclude il primo cittadino di Lampedusa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lampedusamigranti
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.