A- A+
Cronache
'Ndrangheta: arrestati 6 latitanti in Argentina-C.Rica-Albania

Arrestati 6 latitanti di 'ndrangheta in tre paesi, Argentina, Costa Rica e Albania. Grazie alla cooperazione internazionale di polizia ed al progetto I-Can (Interpol cooperation against ‘ndrangheta), promosso dall’Italia insieme ad Interpol sale a 6 il numero dei latitanti di ‘ndrangheta arrestati in tre paesi di due continenti nell’ambito dell’Operazione 'Magma 2007' condotta dallo Scico della Guardia di Finanza di Roma e dal Gico della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, in collaborazione con la Direzione centrale dei servizi Antidroga e coordinata dalla Direzione distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. 

Operazione, sottolina una nota, conclusa nel novembre 2019 con l’esecuzione di 45 misure cautelari per associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di stupefacenti, detenzione illegale di armi.

'Ndrangheta: arrestati 6 latitanti in Argentina-C.Rica-Albania 

Sono stati arrestati a Buenos Aires dal locale Interpol, dalla polizia Federale e dalla Gendarmeria Nacianal argentini, coordinati dalla locale Procunar: Ferdinando Saragò definito dagli investigatori corriere e uomo di fiducia della ‘ndrangheta che faceva la spola tra il Sudamerica e la Calabria; a lui si rivolgevano le cosche per le varie necessità operative e per il trasporto di documenti segreti; Giovanni Di Pietro che, spiegano, costituiva il front office fra le cosche italiane e i fornitori sudamericani di droga, occupandosi anche direttamente dell’esportazione delle sostanze stupefacenti; Fabio Pompetti che, secondo gli investigatori, per anni è stato il portavoce dei fornitori sudamericani nei confronti della ‘ndrangheta.   

Con la collaborazione dell’Ocn Interpol di San José in Costa Rica, viene sottolineato, è stato arrestato anche Franco D’Agapiti comproprietario dell’Hotel Casino Amapola di San Josè de Costa Rica che si era stabilito nel paese sudamericano e fungeva da punto di riferimento per gli esponenti della cosca. Il suo ruolo, prosegue la nota, era quello di agevolare l’ingresso di cocaina in Italia, mettendo a frutto da oltreoceano la fitta rete di contatti e conoscenze e offrendo ospitalità e appoggio logistico agli ‘ndranghetisti, grazie alla disponibilità della struttura alberghiera di sua proprietà.   

Mentre in Albania è stato arrestato Sejdinaj Bujar, detto 'lo zio', avamposto della ‘ndrangheta in quell’area balcanica.  I cinque latitanti catturati seguono l’arresto di Adrian Cekini, avvenuto ad Elbasan in Albania già il 26 maggio scorso, anch’egli resosi irreperibile a seguito dell’operazione Magma 2007. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    'ndranghetaarrestati latitantiargentinac.ricaalbanialatitanti 'ndranghetaarresti
    Loading...
    in evidenza
    Elisa Isoardi, amore con Todaro? L'ex di Salvini confessa che...

    La showgirl star di Ballando con le Stelle 2020

    Elisa Isoardi, amore con Todaro?
    L'ex di Salvini confessa che...

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Ferragni incinta: annuncio dei Ferragnez. E la cena con Dybala-Oriana..

    Chiara Ferragni incinta: annuncio dei Ferragnez. E la cena con Dybala-Oriana..


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan: arriva Re-Leaf, il mezzo di soccorso del futuro

    Nissan: arriva Re-Leaf, il mezzo di soccorso del futuro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.