A- A+
Cronache
Prato, Martina Mucci sfregiata per gelosia: arrestato l'ex ragazzo

La giovane barista sfigurata a Prato: "Sospettavo del mio ex, speravo di sbagliarmi. Mi sono tolta un peso"

Sono passati appena due mesi dalla notte in cui Martina Mucci, di ritorno dal suo turno di lavoro al bar, è stata aggredita brutalmente sul pianerottolo di casa, ora è finalmente nota l'identità di chi ha architettato l'episodio di inaudita violenza: si tratta dell'ex fidanzato, Emiliano Laurini, che non avendo “digerito” la decisione della giovane - porre fine alla relazione che intrattenevano da circa un anno - si è rivolto a due “sicari” di Scandicci, già noti per questa ignobile attività criminale. La 29enne infatti, dopo il violento pestaggio aveva riportato numerosi denti rotti e un grosso sfregio sul volto - al centro degli occhi - inflittole con un rasoio (o un corpo contudente). 

Martina si mostra proprio in queste ore con il volto ancora compromesso e in via di guarigione per esprimere tutto lo sgomento che l’ha pervasa alla notizia della scoperta che dietro quei due volti - sconosciuti - che si sono accaniti ferocemente su di lei, si nascondeva lo zampino di Laurini, buttafuori di professione ed ex pugile.  A inchiodare lui e i due ventenni autori del pestaggio sono state le intercettazioni telefoniche e ambientali della squadra mobile di Prato, diretta da Alessandro Gallo, nell’ambito dell’indagine coordinata dal pm Valentina Cosci. Attualmente sono state emesse dal gip di Prato tre misure di custodia cautelare: per l’ex fidanzato, per uno degli aggressori materiali (l'altro è ancora in corso di identificazione), e per l'intermediario che ha messo in contatto l'ex con i picchiatori. Sono tutti accusati di rapina (nell'aggressione fu portata via la borsa della ragazza), lesioni aggravate e sfregio permanente.

Queste le parole di Martina Mucci alla notizia: "Nessuno mi ha chiamato per dirmi quello che è successo, lo apprendo solo ora – ha detto – Avevo detto alla polizia dei miei sospetti il giorno dopo l’aggressione anche se non avrei mai immaginato che il mio ex potesse arrivare a tanto. Avevamo avuto dei dissapori – spiega ancora – c’era stata qualche lite ma nulla che facesse pensare a una reazione del genere. Avevamo lavorato insieme e gli ho voluto un sacco di bene. Questo lo voglio dire. Mi fidavo di lui".

Le indagini proseguiranno e Martina Mucci ha di fronte a sé un lungo cammino di riabilitazione, dal punto di vista fisico ed emotivo. A proposito la ragazza ha detto: “Non dormo bene, ho gli incubi. Spero di essermi tolta un peso, di poter ricominciare a vivere anche se non sarà facile. Quello che mi è successo è stato terribile”. E conclude amareggiata: "È un incubo dal quale non so se uscirò mai". 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arrestobarista sfigurataemiliano laurinimartina mucciprato
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna





motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.