A- A+
Cronache
"Stavo chattando col killer di Carol". Il giornalista che ha risolto il caso
Fonte Ipa

Omicidio Carol Maltesi: "Lei non rispondeva, chattavo con l'assassino"

L'omicidio di Carol Maltesi non ha ancora un colpevole assicurato alla giustizia, per il presunto killer Davide Fontana, non si è ancora arrivati a sentenza, perché è in corso una perizia psichiatrica sull'uomo. La sua versione resta quella di un gesto non premeditato e tanti sono i "non so perché l'ho fatto, volevo suicidarmi. Non ho premeditato nulla". Così ha parlato in aula, durante il processo in cui è imputato per omicidio volontario, distruzione di cadavere e occultamento. Ma a distanza di due anni dalla tragica vicenda, emerge tutta la verità su come i carabinieri sono riusciti a chiudere il caso. Il merito - si legge sul Corriere della Sera - non è degli inquirenti, ma di un giornalista. "Aggiornavo le notizie - racconta Andrea Tortelli di Brescia news al Corriere della Sera - quando mi hanno scritto. Un lettore ha recuperato un’intervista dell’attrice hard Carol Maltesi, nota sul web come Charlotte Angie. Dice di aver notato una somiglianza tra i tatuaggi della pornostar 26enne e quelli sul corpo della donna fatto a pezzi e ritrovato una settimana prima dentro alcuni sacchi a Paline di Borno, in Valcamonica, il caso non era ancora stato risolto".

"Così - prosegue Tortelli al Corriere - ho deciso di approfondire. E degli undici tatuaggi descritti dai carabinieri, otto coincidevano con quelli della “diva del web”. Allora ho recuperato il numero e le ho scritto. Ma il cellulare era spento. Ho lasciato dei messaggi. Tutto taceva. Fino a quando, nel tardo pomeriggio, è arrivata una risposta. Così ho chiesto conferma dell’identità all’interlocutore. Di nuovo il silenzio. Lì ho capito: era chiaro non fosse Carol a rispondere. Ma qualcun altro, rivelatosi Davide Fontana, l’assassino. Se avessi pubblicato tutto quello che avevo, sarei stato il primo a dare la notizia. A tutti, nessuno escluso, tra cui i familiari della ragazza e inoltre si temeva fosse un serial killer. Non volevo intralciare la giustizia. Così ho scritto un articolo volutamente vago e mi sono rivolto ai carabinieri". Un anno dopo, il giornalista risolutore dell’omicidio ha riordinato quei giorni «folli» in un libro. S’intitola "Sulla tua pelle".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carol maltesi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."





motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.