A- A+
Cronache
Torino, "meglio vivere per strada". E rifiuta l'alloggio pubblico del Comune
(fonte Lapresse)

"Gli accordi erano diversi, non pensavo ci fossero degli orari di entrate e uscita: a questo punto meglio vivere per strada e stare liberi". Per questo ha rifiutato l'offerta di un alloggio comunale dal Comune di Torino.

A parlare è Rachid Saiad, il 43enne marocchino che nel 2013 salvò la vita a mamma e figlia vittime di un incidente stradale e che negli ultimi mesi ha vissuto dentro un'auto, in un parcheggio alla periferia di Torino. Nei giorni scorsi, dopo che la polizia municipale ha portato via la vettura, la vicesindaca Sonia Schellino aveva offerto all'uomo un alloggio agli Asili notturni Umberto I. Stamattina il 43enne si è presentato in via Ravenna, dove si trova la struttura, ma non ha accettato la proposta. "Mi avevano detto che avrei avuto un monolocale in autonomia", spiega Rachid, "ma non che ci fossero stati degli orari. Non sono una persona difficile, ma non voglio rinunciare alla mia libertà".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    torinocomunealloggio pubblico
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    Fondazione Pirelli: l’archivio storico dell’azienda milanese e non solo

    Fondazione Pirelli: l’archivio storico dell’azienda milanese e non solo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.