A- A+
Culture
La rivelazione choc: Gesù era sposato. Ecco la moglie

Gesù fu crocifisso con le braccia sulla testa.…

L'annuncio clamoroso: "Sono Gesù Cristo…

Tumori, l'allarme choc di Veronesi: "Colpiranno…

Bill Clinton ammette: 'Non sarei sorpreso di…

La Cometa ISON verso la Terra scortata da…

Ex agente CIA rivela: "In Sicilia le basi…

Allarme russo: attacco alieno e la Terra non è…

Ufo: Italia presa d'assalto. Le immagini

 

Ritorna l'ipotesi della sposa di Gesù. Nuovi test scientifici dimostrano che il cosiddetto 'papiro della moglie di Gesù' non è un falso moderno, ma un documento antico risalente all'VIII o IX secolo e proveniente dall'Egitto. Lo fa sapere una ricercatrice della Harvard Divinity School, Karen King, in un articolo pubblicato dal Harvard Theological Review.

Il testo, scritto su un piccolo frammento di papiro in lingua copta, contiene la frase "Gesù disse loro: mia moglie". I test condotti dai ricercatori si basano sul metodo di datazione al radiocarbonio e sulle analisi della composizione chimica dell'inchiostro. "Se fu scritto nell'VIII o anche nel IX secolo - ha affermato King - è ancora una documento antico. Non è un falso moderno".

Ma, ha sottolineato, i test non dimostrano che Gesù, in quanto personaggio storico, fosse davvero sposato. Le prove più affidabili risalenti alle origini del cristianesimo non parlano dello stato civile di Gesù. Il papiro, ha notato la studiosa, offre però delle informazioni sui dibattiti sulla vita familiare in quel periodo. Sembra, ha spiegato King, che nel papiro si affermi che donne possono diventare discepoli di Gesù.

King spera che i risultati dei test chiuderanno la bocca ai critici che hanno messo in dubbio l'autenticità del papiro, ma non sembra che sia questo il caso. Il professore Leo Depuydt della Brown University afferma infatti in un altro articolo uscito sul Harvard Theological Review che il testo contenga errori grammaticali che un madrelingua copto non avrebbe commesso, mentre altri studiosi continuano a dubitare della misteriosa provenienza del documento. Rispondendo alle obiezioni di Depuydt, King ha affermato che il testo è scritto in uno stile informale trovato anche altri scritti antichi in copto. La ricercatrice rivelò l'esistenza del papiro inizialmente nel 2012, definendolo il 'Vangelo della moglie di Gesù'. La studiosa afferma di averlo ottenuto nel 2011 da un donatore che vuole rimanere anonimo e che acquistò il testo nel 1999 da un collezionista, che a sua volta lo comprò in Germania dell'Est nel 1963.

La verità sulla Bibbia. Tutto quello che non ci hanno detto...

La Bibbia è stata oggetto di svariate chiavi di lettura e questi diversi approcci hanno prodotto interpretazioni teologiche, allegoriche, metaforiche, teosofiche, antroposofiche, esoterico-iniziatiche, psicanalitiche, sociologiche… Ogni interpretazione è stata condizionata dalle idee e dagli obiettivi dei vari commentatori che hanno sempre fatto in modo di trovare nei testi conferme alle dottrine o idee che essi stessi hanno elaborato e sulle quali sono state costruite intere strutture di potere finalizzate al controllo sistematico delle coscienze per motivi spesso non solo spirituali. Le finalità degli interpreti piegano il testo e rielaborano i significati alla luce di dottrine la cui origine appare essere addirittura esterna ai testi stessi e talvolta neppure con quelli coerente.
 Spesso la realtà si prende una sorta di rivincita, tende a superare la volontà interpretativa e si impone anche contro chi la vuole ricondurre nei binari necessari alla diffusione delle verità che si intendono veicolare..
 Rashi de Troyes – uno dei massimi esegeti ebrei (X-XI sec d.C.) – era consapevole di questo problema che è determinante agli effetti di quanto qui diremo, sulla base di contenuti che derivano esclusivamente da traduzioni letterali della Bibbia derivante dal testo più antico ed universalmente accettato: il Codice di Leningrado.
 Rashy affermò che alle parole della Toràh si possono attribuire anche 70 significati diversi, ma c’è un significato che queste parole “non possono non avere” ed è quello “letterale”.
 Si tratta cioè di provare a pensare che gli autori biblici ci abbiano voluto dire ‘esattamente’ ciò che ci hanno detto, senza messaggi particolari, senza contenuti celati in codici, senza misteri da svelare: facciamo quindi un esercizio semplice e consideriamo l’Antico Testamento come un libro di storia, un testo in cui vari autori di un popolo hanno voluto raccontare la loro saga. Così facendo dobbiamo attribuire a quel testo le caratteristiche di ogni lavoro storiografico e considerare quindi che contiene delle verità, ma anche delle falsità, degli errori, delle dimenticanze accidentali o volute; certi eventi saranno enfatizzati ed altri sottaciuti, magari interpretati in funzione degli obiettivi e dei messaggi che si intendeva veicolare.
 Va ricordato inoltre che una delle caratteristiche fondamentali ed ovvie di ogni testo è la seguente: gli autori scrivono utilizzando le categorie culturali, concettuali e linguistiche di cui dispongono. Ogni autore impiega necessariamente gli strumenti di comunicazione che il suo tempo gli mette a disposizione; non potrà quindi usare termini che ancora non esistono per descrivere realtà nuove e strabilianti per lui e per chi lo leggerà.
 Abbiamo quindi una duplice premessa metodologica: importanza del significato letterale del testo e storicizzazione degli strumenti di comunicazione usati da chi scriveva.
 Precisiamo questi aspetti perché costituiscono un elemento peculiare che differenzia questa rappresentazione della Bibbia da quella della Chiesa che invece tende a reinterpretare in chiave dottrinale ciò che appare astruso o comunque non in linea con il messaggio dogmatico veicolato da due millenni.
 Rispettando Rashi de Troyes traduciamo il testo nel significato letterale sapendo che gli autori biblici dovevano fare uso delle espressioni del linguaggio appartenente a quel periodo e a quel particolare contesto culturale; avevano la necessità di raccontare a persone non certo dotate di una ampia cultura eventi che erano di ordine diverso rispetto alla normalità, fenomeni che sembravano superare le conoscenze e le capacità di comprensione di un popolo nomade o seminomade.
 Tutto ciò che era inerente al volo veniva quindi definito con la terminologia propria del mondo degli “uccelli”; tutto ciò che attraversava velocemente l’aria non poteva che essere descritto come una forma di “vento” (ruàch: termine il cui significato si è evoluto fino ad acquisire poi il valore di “spirito”); tutto ciò che emetteva una qualche forma di energia visibile era definito “ardente o infuocato”; gli improvvisi getti o riflessi di luce erano necessariamente “lampi”; ogni rombo, frastuono o rumore prodotto da un qualunque mezzo veniva identificato con il “tuono” o con il suono prodotto da grandi masse di acqua; ogni strumento di osservazione, magari di forma tondeggiante, era evidentemente un “occhio”, e così via…
 La traduzione letterale della Bibbia nella forma più antica definita dai masoreti porta, sulla base di quanto appena detto, a fare delle scoperte di non poco conto.
 Il meraviglioso (ciò che desta meraviglia) appare ai nostri occhi e ci rivela anche l’inatteso che trova conferme dirette e indirette.
 La traduzione letterale condotta sulla Bibbia Stuttgartensia consente di riscontrare ciò che non è stato mai raccontato con sufficiente chiarezza; anni di traduzioni hanno fatto maturare nel traduttore delle convinzioni precise.
 Va detto che il sottoscritto traduttore – autore del libro e del presente articolo – non è un ufologo né un contattista, non ha mai visto un UFO in vita sua, non se ne è mai occupato e quindi pensa che sia utile introdurre qui le parole di un teologo, Mons. Corrado Balducci – portavoce del Vaticano per il tema degli extraterrestri – il quale ha sostenuto che gli Alieni esistono e che la Bibbia li conosceva senza alcun dubbio!
 Conosciamo i molti testi che affrontano la possibilità di contatti con civiltà extraterrestri e che tali contatti siano all’origine della nostra nascita e della nostra evoluzione: questa produzione libraria talvolta cita e analizza passi dell’Antico Testamento sulla base delle versioni della Bibbia che tutti possediamo.
 Ma la traduzione letterale ci ha rivelato che abbiamo la possibilità di saperne di più, di avere riscontri ancora più significativi, di trovare conferme concrete alle parole di Mons. Balducci, ma anche di andare ben oltre ciò che egli stesso affermava e a cui forse non pensava, perché era sempre e comunque un sacerdote legato alle dottrine della sua Chiesa madre.
 Chi segue questi temi conosce le visioni dei carri celesti di Ezechiele, la vicenda del cosiddetto rapimento di Elia (anche se il termine rapimento risulta improprio alla luce dei fatti narrati dagli autori biblici), la visione di Zaccaria, molto meno conosciuta ma la cui traduzione diretta rimanda alla chiara ed inequivocabile rappresentazione di Oggetti Volanti Non (meglio) Identificati.
 Ciò che inspiegabilmente si tralascia sono le conferme indirette che assumono invece le caratteristiche di fondamentali elementi di prova.
 Facciamo alcuni esempi utili a chiarire il valore di questi particolari apparentemente marginali ma capaci invece di chiarire gli eventi meglio di ogni altra pretestuosa interpretazione di ordine teologico o dottrinale.
 Chi sa cosa fanno e come si comportano i discepoli di Elia prima e dopo la sua salita in cielo avvenuta su di un carro volante?
 La riposta a questa domanda ci dice che quel comportamento era coerente solo nel caso di una vera ‘abduction’ e non lo si potrebbe in alcun modo spiegare diversamente.
 Chi tiene conto della parole di Zaccaria che, dopo avere visto gli oggetti volanti e le ‘femmine’ che li pilotano, definisce un rapporto preciso tra quegli OVNI e la terra di Shin’ar (Sumer) che Sitchin ci racconta essere il luogo in cui tutto è nato perché degli OVNI e dei loro piloti era l’originaria base terrena?
 Come si comprendono le conseguenze legate alla manifestazione della gloria di Dio a Mosè, se non si sa che il termine ebraico (kevòd) non rimanda a concetti di ordine astratto (come erroneamente interprato dai greci poi seguiti dalla tradizione) ma ad un ‘qualcosa’ che noi potremmo assimilare ad un aereo, un carro armato, un TIR…?
 Chi spiega perché Dio non era in grado di controllare gli effetti di questa sua manifestazione che risultava essere inevitabilmente mortale per chi la osservava da vicino?
 Chi può spiegare con coerenza il comportamento degli ‘angeli’ (mal’akim) che incontrano Abramo e Lot, compiendo una serie di atti che sarebbero ridicoli se attribuiti ad esseri spirituali?
 Come spiegare la descrizione di quell’individuo (angelo?) che incontra Davide in un luogo così poco elevato come l’aia di una povera casa e gli incute un grande terrore?
 La riposta a queste e altre questioni, alcune delle quali vedremo tra breve, costituisce appunto testimonianza indiretta: i contenuti di quei racconti non sarebbero comprensibili se fossero semplicemente ricondotti all’ambito delle esperienze spirituali, oniriche, estatiche, mistiche… e ancor meno lo sarebbero se fossero considerati delle semplici allegorie, come spesso si fa al fine di annullarne la pericolosità e renderli innocui per le verità dottrinali che da questi vengono messe in crisi.
 D’altra parte si sa bene che gli angeli della tradizione cristiana hanno ‘ricevuto le ali’ solo nel IV secolo dopo Cristo, ad opera dei teologi della Cappadocia, e che sono stati dichiarati formalmente ‘spirituali’ solo nel corso del IV Concilio Lateranense tenutosi nel 1213.

http://www.renudo.it/

Tags:
bibbia
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.