A- A+
Culture
Fotografia/ Dayanita Singh, una narrazione non convenzionale

di Simonetta M. Rodinò

Esordi nel fotogiornalismo, negli anni Novanta, poi invenzione di nuovi formati di libri. Era solo l’inizio…Oggi Dayanita Singh è una affermata fotografa conosciuta a livello internazionale.

La 55enne artista indiana è ospite presso la Fondazione MAST di Bologna con la mostra “Museum of Machines”: una selezione di 300 immagini articolate in serie. Oltre a quella che dà il titolo alla personale - dedicata alla fotografia industriale - Museum of Industrial Kitchen, Office Museum, Museum of Printing Press, Museum of Men e File Museum.

“Non avevo interesse per le fabbriche. Sono una ritrattista. Ma quando una volta vidi 10mila motorini pronti per la consegna, mi apparvero quasi come sculture: mi si apriva un mondo nuovo”, racconta Dayanita.

Ecco esposti i primi scatti tratti dalla serie “Blue Book” del 2008: ciminiere fumanti, tetti di fabbriche ripresi dall’alto e macchinari. Quelle macchine che con la loro ingombrante individualità non corporea la affascineranno e diventeranno tra le protagoniste delle sue narrazioni.

Storie mute prive della figura umana e di qualsiasi traccia di vita. Narrazioni metafisiche tra l’ironico e il malinconico.

Nella serie “File Museum” è l'India degli archivi a essere ritratta: inquietanti accumuli di carta ricchi di storie e segreti.

Ma sono ospitate anche le foto di alcuni uomini delle fabbriche: i rigorosi bianco e nero della serie “Museum of Men” ritraggono al proprio posto di lavoro mezzi busti o sagome intere.

Tornando ai libri, sua grande passione, l’artista ama mostrare le immagini non in maniera classica, ma ricorrendo a modi più organici; costruisce delle strutture che possano rendono dinamici i suoi lavori. Per creare ciò che lei chiama “musei” mobili, ecco carrelli e paraventi in cui son inserite le foto che possono essere spostate e posizionate come si desidera.

Al livello 0 della Photo Gallery la mostra prosegue con l’installazione del volume Museum of Chance: una serie di sue immagini, raccolte dalle altre tematiche affrontate - e non presenti nella rassegna -, che formano una storia misteriosa. La sequenza fotografica si presenta come una sorta di labirinto di connessioni e corrispondenze.

Due proiezioni di immagini di Dayanita dedicate rispettivamente agli archivi e alle fabbriche chiudono la rassegna.

“Museum of Machines”

Fondazione MAST - Via Speranza 42 - Bologna

Durata: fino all'8 gennaio 2017

Orari: martedì – domenica 10 -19

Infoline: 051/6474345

staff@fondazionemast.org

Ingresso libero

Tags:
fotografia dayanita singh mostradayanita singh mostra
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.