A- A+
Culture
Mussolini. La politica economica del fascismo tra corruzione ed innovazione

di Alessandra Peluso

La Storia è il giudizio del mondo e la filosofia della Storia è la conoscenza e la rivelazione concettuale di questa razionalità e di questo giudizio (G.W.F. Hegel), con questo intento, verosimilmente, Roberto Fatano ha scritto “La Rivoluzione di Mussolini. La politica economica del fascismo tra corruzione ed innovazione” pubblicato da Milella Edizioni.

Un’attenta e puntigliosa disamina sulla storia del fascismo, “un’ideologia politica sorta in Italia nel 1919” sino all’anno del tramonto, nel 1943. Roberto Fatano affronta nello specifico la situazione sociale ed economica di quegli anni, la politica agraria, e l’onerosa questione meridionale. Avvalora il testo, lo stile chiaro, costituito da documenti, o fonti quali immagini esaustive di propaganda del regime, come ad esempio quella riguardante un bambino con in mano un pezzo di pane e su scritto: «Non togliete il pane ai figli dei nostri lavoratori acquistate prodotti italiani».

È evidente il lavorio di uno storiografo, pur l’autore non essendolo; la scrittura è linda, epurata da alcuna componente emotiva e critica. Interessante tra gli altri è il capitolo dedicato al sistema agrario del latifondo, nel quale si affrontano le problematiche riguardanti “la questione meridionale” e la “condizione dei braccianti” prima del Fascismo, così come appassionante è il ritratto del contadino di Ignazio Silone che mostra il rapporto di sudditanza con il latifondista, ripreso da Roberto Fatano per metterne in luce le contraddizioni, le vicissitudini di una storia che si legge nel noto romanzo “Fontamara”.  E poi, la politica economica, in particolare, quella riguardante il Sud d’Italia e le banche.

mussolini
 

La Rivoluzione di Mussolini. La politica economica del fascismo tra corruzione ed innovazione” si può certamente proporre come manuale di studio nelle Università italiane o nei Licei, un sussidio notevole alla storia e all’oggi, e anche per studiosi che vogliano accostarsi senza pregiudizi o giudizi di categorie, come è facile che accada.

Wojtek Pankiewicz scrive nella Prefazione: «Per Fatano la storia non va seppellita, ma deve essere, invece, ricostruita e raccontata, pur confermando il suo giudizio storico sul ventennio mussoliniano sul quale non c’è alcun ripensamento e nessun motivo per attenuarlo» (p. 12).

Pertanto, sembra valer il concetto storico come necessità, perché secondo Croce l’affermazione della vita e la realtà è storia, e dunque opportuno conoscerla interamente e ascoltarla o leggerla da ogni punto di vista, da ogni interpretazione, ma soprattutto in quanto storia, incombe la lauta attività della storiografia che invita ad accostarsi ai documenti e alle fonti, perché si conosca il vero e l’intero. E in tale direzione che opera Roberto Fatano con il libro “La Rivoluzione di Mussolini. La politica economica del fascismo tra corruzione ed innovazione” , un lavoro di ricerca, di studio per sé e per gli altri, come testimonianza concreta di un passato che ha intessuto le trame dell’odierno presente.   

               

Tags:
mussolini politica economica fascismo. mussolini corruzione innovazione
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.