A- A+
Economia
Acc, batterie troppo costose. Ecco perché è saltata la giga-factory di Termoli
Batterie elettriche

Batterie troppo costose, ecco perché Acc ha congelato il progetto della giga-factory di Termoli

Il settore delle auto elettriche sta vivendo un momento di incertezza, con piani industriali che cambiano rapidamente per adattarsi a un mercato in continua evoluzione. ACC, joint venture composta da Stellantis, Mercedes e TotalEnergies, ha deciso di rivedere i propri piani, rinviando la realizzazione delle giga-factory di batterie per auto elettriche in Germania e Italia.

La decisione è stata presa a causa del rallentamento del mercato europeo di tale settore, che ha visto un calo della domanda nonostante gli incentivi governativi, evidentemente non sufficienti. ACC ha quindi deciso, come confermato dallo stesso Ceo di Stellantis Carlos Tavares, di concentrarsi sulla ricerca e sviluppo di batterie più economiche, al fine di rendere i veicoli elettrici più accessibili ai consumatori.

LEGGI ANCHE: Stellantis, Tavares rassicura: "Piena operatività per tutti i siti italiani"

La fabbrica di Termoli, in Italia, è stata messa in standby e la sua realizzazione sarà discussa nuovamente tra la fine del 2024 e l'inizio del 2025. Anche la costruzione della fabbrica di Kaiserslautern, in Germania, è stata interrotta a data da destinarsi.

Sembra evidente che le grandi aziende coinvolte in ACC, come Stellantis, stanno adeguando i propri piani di investimento al ritmo delle vendite, cercando di bilanciare la necessità di innovazione con la realtà del mercato.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


motori
Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.