A- A+
Economia
Stellantis, Tavares rassicura: "Piena operatività per tutti i siti italiani"

Tavares: "Necessario abbassare i costi per competere con i cinesi". Brusca frenata sulla gigafactory di Termoli, ecco perché

“Piena operatività, su 15 turni, degli stabilimenti italiani anche oltre il 2030”. A dichiararlo al termine della visita all’impianto di Melfi è Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis.

Per quel che riguarda lo stabilimento lucano, il numero uno della casa automobilistica si esprime con parole al miele: “Tutti stanno facendo un lavoro incredibile”, dice, “nel 2025 saremo ai massimi livelli di qualità, ci sono miglioramenti sui costi e questo è l’unico modo per competere con i costruttori cinesi”, continua.

LEGGI ANCHE: Immatricolazioni, Stellantis frena a maggio

Nel dettaglio, secondo l’Ad “lo stabilimento ha la capacità di produrre auto al massimo livello di qualità nel 2025” e che “quando tutte le linee saranno a pieno regime alla fine del 2026, sarà auspicabilmente in grado di produrre 250 mila veicoli all’anno dopo il ramp-up con oltre 6 mila ore di attività all’anno”.

C’è però il problema del costo dell’energia per produrre i veicoli, ma Tavares ha le idee chiare per risolvere il problema: “Presto saremo in grado produrre autonomamente il 75% dell’energia che produrremo”.

Tavares ha anche toccato il tema della transizione all’elettrico, sulla quale Stellantis aveva scommesso con convinzione in Italia (assegnando la piattaforma Stla Medium a Melfi e Stla Large a Cassino) ma su cui sta un po’ facendo retromarcia, come dimostra l’assegnazione di una versione ibrida della 500 a Mirafiori e di una Jeep ibrida a Melfi. “I sindacati sono preoccupati su questo punto, circa le vendite dei veicoli elettrici in futuro”, ha ammesso Tavares.

“Oggi le quote vanno dal 2 al 40% in Europa”, ha spiegato il ceo di Stellantis. “Insieme però abbiamo condiviso che il 63% dei veicoli prodotti in Italia vengono esportati e dobbiamo avere una visione globale dei mercati per discutere con i sindacati, non solo sull’Italia. E questo è chiaro tutti”.

LEGGI ANCHE: Stellantis, Tavares: "Dobbiamo competere con i cinesi, non serve isolarsi"

Tavares sorpreso dagli incentivi sull’elettrico esauriti

Tavares ha parlato anche degli incentivi per le auto elettriche, esauriti in poche ore, ieri lunedì 3 giugno, dopo la pubblicazione sulla piattaforma dedicata. “E' successo qualcosa di strano e siamo rimasti sorpresi anche noi. Ma chi di dovere sta indagando”.

Il numero uno della casa automobilistica ha parlato di una fenomeno “anomalo e stiamo cercando di capire che cosa lo abbia scatenato, ma al momento non abbiamo nessun tipo di indicazione certa per dare una spiegazione a quanto è successo”.

Ma intanto la gigafacotry di Termoli finisce in stand-by

Nel frattempo però arrivano brutte notizie sull’annunciata gigafactory di Termoli. Infatti il produttore europeo di batterie Acc, joint venture proprio tra Stellantis, Mercedes e TotalEnergies, ha spiegato in una nota che sta rivedendo la sua strategia di fornitura di batterie per auto elettriche a basso costo: per questo motivo ha rinviato i piani per la costruzione di una gigafactory a Termoli. In una nota si spiega la decisione come una risposta all’evoluzione del mercato automotive con lo spostamento della domanda “verso veicoli elettrici dai costi più contenuti”.






in evidenza
Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice

L'influencer di nuovo in tribunale

Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice


motori
Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.