A- A+
Economia
Banche, il post-Covid del credito: alla fine ne rimarranno solo tre
Il Ceo di BancoBpm Giuseppe Castagna

Niente sarà più come prima nella geografia del sistema bancario italiano post-Covid. Il calcio d’inizio del nuovo risiko bancario, forse quello definitivo, l’ha dato Intesa-Sanpaolo poco prima dello scoppio della pandemia, un anno fa andando all’attacco di Ubi, la quarta banca italiana, assorbita sotto le insegne del primo istituto del Paese. Tolto Ubi dallo scacchiere (e sottratta per tempo a un eventuale abbraccio mortale con Mps) e complice la pandemia, ora tutti si guardano intorno. 

LA CONCENTRAZIONE DEFINITIVA

intesa carlo messina
 

Tutti sanno che il processo di concentrazione non può più essere rimandato. In fondo il sistema italiano si poggia tuttora su due grandi campioni, due big, con Intesa inossidabile nelle sue performance e con UniCredit acciaccata post gestione Mustier e su un drappello di banche medie da Banco Bpm a Bper alla Popolare di Sondrio che da sole non possono più stare. Il contesto pandemico non aiuta a stare adeguatamente sul mercato. I margini sugli interessi continueranno a rimanere asfittici e nel 2021-2022 i livelli di crediti malati torneranno a crescere, non a livelli di allarme, come nella bolla sugli Npl degli anni passati, ma certo porranno il tema di nuovi accantonamenti e svalutazioni che tenderanno a comprimere la redditività già fiacca per le banche cosiddette medie. 

IL MODELLO CHE VUOLE LA BCE: TRE GRANDI CAMPIONI NAZIONALI

C’è bisogno di attori più grandi con le spalle larghe per assorbire le ripercussioni di un contesto esterno non facile. Lo chiede da tempo la Bce che vuole per l’Italia un sistema sulla falsariga dei competitor europei: due/tre grandi gruppi bancari e il territorio presidiato dalle banche più piccole. Funziona da anni così in Spagna (Bbva, Santander e le casse) in Francia (Bnp; SocGen, Credit Agricole i tre campioni nazionali) e in Germania (Deutsche Bank; Commerzbank e le Landesbank regionali). 

Andrea Orcel UniCredit
 

Non si capisce perché l’Italia non debba adeguarsi. C’è troppa sovracapacità produttiva in un mercato tradizionale aggredito dal Fintech e dai colossi del Web, trasformatesi in para-banche. Troppa sovracapacità e scarsa redditività. Tengono botta appunto sulla profittabilità (a eccezione della Germania) solo i grandi campioni nazionali con i Roe (i ritorni sul capitale) che tendono all’8-9%. A scalare sulle dimensioni più piccole le redditività di dimezzano ovunque in Europa. 

L’INCOMPIUTA ITALIA: SOLO DUE BIG E UN PLOTONCINO DI BANCHE MEDIE

Ecco allora l’incompiuta Italia. Due colossi da serie A europea e poi una sorta di vuoto. Intesa-Sanpaolo con i suoi oltre 1.000 miliardi di attivo, dopo l’incorporazione di Ubi, e UniCredit con i suoi 930 miliardi. Dietro di loro una sorta di deserto. La prima banca più grande per dimensioni è Banco Bpm che si ferma a 180 miliardi; la zoppicante cronica Mps è a 150 miliardi e la Bper ha attività per 93 miliardi

10735676 large
 

LA TERZA GRANDE BANCA CHE ANCORA NON C’E’

Come si vede, manca davvero una terza grande banca alla spalle del duopolio Intesa/UniCredit. E il balletto tra chi compra chi, è ormai quotidiano almeno nelle dichiarazioni e nelle suggestioni. Va messa al sicuro la negletta Mps che pur con la ricca dote dei Dta (i crediti d’imposta differiti) che andranno al compratore fa paura, tanto da essere sul mercato da tempo senza nessuna attrattiva manifesta. 

MPS SOLO LA GRANDE UNICREDIT PUO’ ASSORBIRLA, ALTRIMENTI SPEZZATINO

Solo una grande banca può assorbire la banca toscana che perde ricavi anno su anno e si porta dietro un contenzioso legale da 10 miliardi. Ecco allora caldeggiata da mesi dal Governo l’ipotesi UniCredit, l’unica sul campo o in alternativa andare a uno spezzatino di Mps da suddividere su più banche. 

(Segue: il niet di Del Vecchio&C sulla banca toscana, il terzo polo, l'm&a bancario fra uguali e la corda di Bper)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bancheintesa-sanpaolounicreditbanco bpmbpercarigemapscrevalcredit agricole italiacarlo messinaandrea orcelgiuseppe castagnaguido bastianinicarlo cimbripiero montaniluigi lovagliogiampiero maioli
    i più visti
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.