A- A+
Economia
Banche Ue, Mps e Intesa aumentano i soldi parcheggiati nei paradisi fiscali
Carlo Messina e Guido Bastianini

Oltre 20 miliardi ogni anno parcheggiati in paradisi fiscali che rispondono al nome di Stati come Bermuda, Isole Vergini britanniche, Isola di Mann, Jersey, Macao o Lussemburgo. È quanto emerge dall’Osservatorio fiscale dell’Ue che è stato pubblicato oggi. Si tratta di un documento, realizzato da un ente di ricerca indipendente, che è stato cofinanziato dall’Unione Europea con l’intento di dare maggiore trasparenza al mondo delle banche. Ebbene: da quanto si legge nel report, nel periodo tra il 2014 e il 2020 è stato mediamente “parcheggiato” il 14% degli utili pre-tasse totali.

schermata 2021 07 12 alle 20 22 36
 

A comandare la classifica la britannica Hsbc (che viene ancora ritenuta europea proprio perché l’analisi si rivolge al periodo tra il 2014 e il 2020, quando cioè Uk era ancora membro del Vecchio Continente). L’istituto di credito ha allocato nei paradisi fiscali poco meno del 60% complessivamente. In particolare, tra il 2014 e il 2016 il 54,4% e tra il 2018 e il 2020 il 62,3%.

In Italia l’istituto di credito più “attivo” da questo punto di vista (vedi tabella sotto) è Monte dei Paschi di Siena, che nel primo biennio ha collocato nei paradisi fiscali il 30,3% dei profitti e tra il 2018 e il 2020 il 49,8%. Dunque, quasi il 50% degli utili pre tasse di Rocca Salimbeni nel periodo 2018-20 è stato contabilizzato nei territori con fiscalità favorevole. 

Questo fa dell’istituto toscano la banca che ha incrementato maggiormente in ambito comunitario la quota di utili all’estero offshore. Un paradosso se si pensa che Rocca Salimbeni è una banca controllata al 64,2% dallo Stato. Il Monte, è immediatamente seguito, tra gli altri istituti di credito italiani, dalla prima banca nazionale Intesa Sanpaolo che, sempre secondo Osservatorio fiscale dell’Ue, dal biennio 2014-2016 a quello 2018-2020 ha quasi raddoppiato (dal 12,5% al 24,6%) la quota di utili pre-tasse “parcheggiati” nei paradisi fiscali. Tra i primi 10, quattro banche sono britanniche, due sono tedesche, una è francese e una è belga. L'altro campione nazionale tricolore UniCredit, invece, ha ridotto la propria quota dall'11% al 4,1%. 

tabella buono
 

Interessante notare come gli utili registrati nei paradisi fiscali ammontino a circa 238.000 euro per addetto, contro i 65.000 in territorio europeo. “Ciò suggerisce – si legge nel rapporto – che i profitti registrati nei paradisi fiscali vengono principalmente spostati fuori da altri paesi in cui si verifica la produzione di servizi”.

intesa sanpaolo 05
 

Da notare, però, che in questo studio non vengono prese in considerazioni due variabili: la prima è quella del Covid, che ha imposto lo stop forzato ai dividendi (qualora ce ne siano stati) con decisione della Bce che va solo adesso progressivamente allentandosi. Dall’altra c’è il tema dell’aliquota globale, concordata a giugno, che prevede una tassazione minima del 15%.

Si tratta di un provvedimento ideato principalmente per arginare i colossi tecnologici che facevano affari incredibili nel nostro continente pagando però poche tasse. Se dovesse essere confermata l’aliquota del 15% si otterrebbero 50 miliardi extra, che diventerebbero 170 se si portasse la soglia al 25%. Se questa tassazione aggiuntiva (almeno il 15%) dovesse essere applicata anche per le quote di profitto parcheggiate nei paradisi fiscali, le banche dovrebbero pagare tra i 3 e i 5 miliardi extra all’Unione Europea. Una cifra che salirebbe fino a 13 miliardi in caso di aliquota al 25%.

Ed è proprio questo il traguardo che viene consigliato dal report: “Iniziative più ambiziose – si legge nel documento -, come una tassa minima globale con un'aliquota del 25%, potrebbero essere necessarie per frenare l'uso dei paradisi fiscali da parte del settore bancario".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    intesa sanpaolompssantanderhsbcbbvabarclaystasseparadisi fiscali
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.