A- A+
Economia
Bce: inflazione oltre il 2% per quasi tutto il 2022, ma in progressivo calo
Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea

Bce, a novembre il rialzo dei prezzi raggiunge il 4,9%. Pil ai livelli pre pandemia entro marzo 

La Banca centrale europea si dice ottimista sulla ripresa economica post pandemia della zona euro, grazie soprattutto alla spinta della domanda interna. Il mercato del lavoro sta registrando infatti dei balzi in avanti. Continua anche ad attendersi un calmieramento dell’inflazione nei mesi a venire, anche se appare non del tutto granitica sul realizzarsi di queste previsioni. 

"La ripresa dell'economia prosegue nell'area dell'euro. La crescita è in via di moderazione, ma nel corso di quest'anno dovrebbe tornare a segnare un vigoroso recupero". E' quanto si legge nel bollettino economico Bce in cui si rileva come secondo le previsioni, il perdurare della ripresa economica sarà determinato da una vigorosa domanda interna. "Il mercato del lavoro sta registrando miglioramenti, con l'aumento del numero di occupati e la diminuzione dei beneficiari delle misure di integrazione salariale. "Ciò sorregge la prospettiva di un incremento dei redditi e dei consumi delle famiglie che saranno sospinti anche dai risparmi accumulati durante la pandemia".

"Nell'ultimo trimestre dello scorso anno - prosegue il bollettino - l'attività economica ha moderato il suo passo ed e' probabile che tale crescita più lenta prosegua nella parte iniziale dell'anno corrente. Al momento ci si attende che il prodotto superi il livello precedente la pandemia nel primo trimestre del 2022. Per far fronte all'attuale ondata della pandemia, alcuni paesi dell'area dell'euro hanno reintrodotto misure di contenimento piu' stringenti. Ciò - osservano gli esperti Bce - potrebbe ritardare la ripresa, soprattutto nei settori dei viaggi, del turismo, della ricettività e dell'intrattenimento.

"La pandemia - sottolinea il bollettino - pesa sulla fiducia dei consumatori e delle imprese e la diffusione di nuove varianti del virus accentua l'incertezza. In aggiunta, il rialzo dei costi dell'energia incide negativamente sui consumi. Le carenze di attrezzature, materiali e manodopera in alcuni comparti frenano la produzione dei beni manufatti, causando ritardi nelle costruzioni e rallentando la ripresa in alcuni segmenti del settore dei servizi. Tali strozzature permarranno per qualche tempo, ma dovrebbero attenuarsi nel corso del 2022".

Bce, inflazione oltre il 2% per la maggior parte del 2022 

"A novembre l'inflazione è ulteriormente salita al 4,9% e rimarrà oltre il 2% per la maggior parte del 2022, dovrebbe rimanere su livelli elevati nel breve periodo, ma ridursi nel corso dell'anno". "Il suo rialzo - osservano gli esperti Bce - riflette principalmente il forte rincaro di carburante, gas ed elettricità. Alla componente energetica è riconducibile oltre la metà dell'inflazione complessiva registrata a novembre. La domanda, inoltre, continua a eccedere l'offerta che, in alcuni settori, è limitata. Le conseguenze sono particolarmente evidenti nei prezzi dei beni durevoli e di quei servizi al consumo che hanno beneficiato delle recenti riaperture. Gli effetti base legati al venir meno della riduzione dell'Iva in Germania continuano a contribuire alla più elevata inflazione, ma soltanto sino alla fine del 2021.

"Vi è incertezza circa il tempo necessario alla risoluzione di tali aspetti - si legge nel bollettino - Nel corso del 2022, tuttavia, i prezzi dell'energia dovrebbero stabilizzarsi, l'andamento dei consumi normalizzarsi e le pressioni sui prezzi derivanti dalle strozzature dal lato dell'offerta a livello mondiale attenuarsi". Nel tempo, il graduale ritorno dell'economia al pieno utilizzo della capacità produttiva e gli ulteriori miglioramenti del mercato del lavoro dovrebbero sostenere una più rapida crescita salariale. Le misure delle aspettative di inflazione a più lungo termine ricavate dai mercati e dalle indagini sono rimaste sostanzialmente stabili dalla riunione di politica monetaria di ottobre, pur avvicinandosi complessivamente al 2% negli ultimi mesi. "Tali fattori contribuiranno al rialzo dell'inflazione di fondo e all'aumento di quella complessiva fino all'obiettivo del 2% nel medio termine".

LEGGI ANCHE: 

“Violenza privata”, denunce in arrivo contro il governo 

Docente obbligata al vaccino: "non scriva le patologie" 

“Ah c’è Parenzo, lo invitate per far sembrare intelligenti i No vax?”. VIDEO

Ronzulli e la rivelazione su Borgonovo: "Mediaset ti paga e tu fai il No Vax"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bceinflazione
    i più visti
    in evidenza
    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    Scatti d'Affari

    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.