A- A+
Economia
Dazn al lavoro su sistema tracciamento per la pubblicità con l'aiuto di Google
Lapresse

Acque agitate attorno al calcio in Italia. Dopo più di un mese dall’inizio del campionato si continua a guardare con sospetto Dazn, il player che ha rilevato per i prossimi tre anni l’intero pacchetto delle partite. E lo si fa per diversi motivi: prima di tutto perché la piattaforma ha avuto qualche problema di troppo nelle scorse settimane (ma è in realtà un problema che ha riguardato anche Amazon con la Champions League). Il che significa, tra l’altro, che è forse l’intera infrastruttura di rete che non sta andando benissimo e che le colpe degli Ott sono residuali.

Il secondo ordine di problemi sorge dalla rilevazione dell’audience, che non è un numero fornito a meri fini statistici, ma un indicatore prezioso quando si deve andare a discutere di pubblicità. Un articolo del Fatto Quotidiano ha sancito che la differenza tra il modello di rilevazione tradizionale, cioè Auditel, e quello di Dazn porta a numeri “gonfiati” per circa 8 milioni di spettatori complessivi nelle prime sette giornate del campionato.

"Non abbiamo nulla da nascondere – spiega ad Affaritaliani.it Andrea Cerasoli, VP Media Southern Europe Dazn Group – ma forse non siamo ancora riusciti a farci capire. Il nostro è un metodo trasparente, tant’è che stiamo lavorando alla realizzazione di un Advserver, insieme a Google, per consentire alle terze parti di inserire link di tracciamento, in modo da consentire agli inserzionisti di sapere chi sta guardando e che cosa. Il nostro auspicio è sempre stato quello di trovare una strada comune con Auditel e la Lega".

È notizia di poco fa che la prossima settimana si terrà un tavolo tra gli esponenti della Serie A e Dazn per discutere della rilevazione dell’audience. Per capire dove sta la discrasia tra i dati delle tv tradizionali e degli Ott bisogna sapere che il modello di raccolta delle informazioni è differente. Dazn si serve prima di tutto di Conviva, che è un tool che utilizzano quasi tutti gli Ott nel mondo e che consente di conteggiare in tempo reale lo streaming.

"Questi dati – chiosa Cerasoli – vengono poi portati in un database gestito da Nielsen che li cataloga, li mette in ordine e li arricchisce con il dato di “coviewing” e il profilo socio-demografico fornito da Auditel: in questo modo si può sapere con precisione quante persone e che tipo di famiglia sta assistendo alla partita". 

Il dato di Dazn è di tipo censuario, mentre quello di Auditel fa fede su un campione statistico di 15mila famiglie che sono rappresentative del tessuto sociale italiano. Di più: secondo Dazn lo strumento di rilevazione tradizionale è antiquato anche perché non tiene conto delle seconde case, che sono però il 17% del complessivo delle case in Italia. Comunque, conclude Cerasoli, l’intenzione è "quella di trovare una metrica comune di rilevazione. Fin da quando siamo arrivati in Italia abbiamo chiesto ad Auditel di certificare la parte più semplice, cioè quella che passava dai canali del bouquet Sky. Ora vogliamo fare un passo in più".

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    dazntimcalcio streaming daznascolti dazn serie a




     Error processing SSI file
    in evidenza
    Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

    L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

    Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


    motori
    Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

    Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.