A- A+
Economia
Debito italiano, peggio anche della Grecia. Gli altri volano grazie al Mes
Giorgia Meloni, sullo sfondo il parlamento UE

Debito italiano, la scelta di non usare il Mes e le conseguenze sui conti pubblici

Il debito pubblico italiano adesso è davvero fuori controllo, pesa in maniera significativa il Superbonus. A certificare il profondo rosso dell'Italia è un nuovo report che evidenzia come ben presto (entro tre anni), l'Italia supererà addirittura la Grecia e diventerà la peggiore d'Europa. La cifra calcolata da Scope Rating sui conti pubblici italiani che sarà diffuso oggi - riporta Il Sole 24 Ore - è imponente. E viaggia non a caso sugli stessi ordini di grandezza della spesa del Superbonus, cioè del principale motore del debito per questo e per i prossimi anni. Lo scenario su cui si basano le analisi dell’agenzia di rating (che ai titoli di Stato italiani dà un giudizio BBB+ con outlook stabile) non è in sé drammatico, perché poggia su una previsione di crescita media annua all’1% e un’inflazione nei dintorni del target Bce del 2% nei prossimi cinque anni. Ma a complicarlo ci sono appunto gli effetti dei crediti fiscali all’edilizia, destinati a spingere in alto il debito di 2 punti di Pil all’anno fino al 2027, per poi ridurre la propria spinta nel periodo successivo.

Leggi anche: Dl Superbonus, ok del Senato. Abi, Patuelli: "Banche? Impatto incalcolabile"

Per far scendere il peso del debito sul Pil di un punto percentuale all’anno dal 2027 come chiedono le nuove regole fiscali europee - prosegue Il Sole - l’Italia deve avviare il freno fin dall’anno prossimo, e cumulare tra 2025 e 2029 un miglioramento del saldo primario da 135 miliardi di euro: somma che vale il 5,8% del prodotto interno lordo nazionale. Il confronto internazionale mostra che il percorso in discesa del debito, pur se a ritmi meno intensi, è imboccato anche dagli altri Paesi assistiti dal Mes come la Spagna (Scope prevede 9,5 punti di debito/Pil in meno fra 2023 e 2028) e Portogallo (15,8 punti nello stesso periodo). In un orizzonte di questo tipo, l’impresa di trovare lontano dall’extradeficit i 18,2 miliardi necessari per replicare nel 2025 le misure fiscali di quest’anno è solo il primo passo su un crinale strettissimo.






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.