A- A+
Economia
Ex Ilva, Giorgetti accelera sullo Stato al 60%.Vuole liberarsi della Morselli
Lapresse

Dopo un nuovo sciopero delle tute blu e con i pullman arrivati da Taranto a manifestare sotto il Ministero dello Sviluppo in occasione del terzo tavolo Acciaio con i sindacati, Giancarlo Giorgetti scopre le carte rispetto al cronoprogramma stabilito dagli accordi di dicembre fra Invitalia e ArcelorMittal che hanno dato vita ad Acciaierie Italia e che prevede che lo Stato salga in maggioranza (al 60%) a maggio 2022 esprimendo l’amministratore delegato dell'ex Ilva (a Arcelor Mittal spetterà la presidenza) con l’impegno però di identificarlo in una rosa ristretta definita in maniera congiunta dai due azionisti.

ILVA ad Morselli
L'amministratore delegato di ArcelorMittal Italia Lucia Morselli

Nel comunicato rilasciato dal Mise al termine dell’incontro, oltre che sulla possibilità di una revisione del piano industriale, il ministro leghista si è detto ottimista anche sul poter anticipare i tempi per l'ulteriore iniezione di capitale pubblico nell’azienda (680 milioni) "nel pieno rispetto dei ruoli e dopo il confronto con il nuovo Cda con tutte le parti in causa”. Oltre all'aver rassicurato sul fatto che tutti gli esuberi conseguenti alla riconversione green degli altiforni verranno ricollocati.

Musica per le orecchie di Fiom, Fim e Uilm che dopo esser state costrette ad assistere al mancato varo del nuovo consiglio di amministrazione nell’era del coinvestimento e all’ennesima attesa di “due-tre settimane” per la sentenza del Consiglio di Stato sullo spegnimento dell’area a caldo, hanno incalzato l’esecutivo.

“Vogliamo sapere quando il socio pubblico perfezionerà l'ingresso nella società, quando darà avvio al piano industriale e ambientale, come c'entrano l'ex Ilva e tutta la siderurgia nel Pnrr”, ha tuonato la segretaria generale della Fiom Francesca Re David. Lamentando di restare "all'oscuro di tutto, non c’è un tavolo aperto sulla siderurgia e anche questi incontri al Ministero, senza la proprietà, sono soltanto informativi molto spesso determinati dal fatto che i lavoratori si mobilitano”.

arcelormittal Ilva
 

Giorgetti non ha dato una timeline precisa per i prossimi step, ma il numero uno del Mise si attende che nel giro di tre settimane, dopo l’auspicata bocciatura della sentenza di febbraio del Tar Lecce dal massimo organo di giustizia amministrativa, ArcelorMittalItalia approvi il bilancio (ha tempo fino a giugno secondo le normative Covid) sbloccando lo stallo sulla governance e facendo insediare il nuovo board (la Morselli è ancora presidente e amministratore delegato). Cda che prevede l’ingresso di Franco Bernabè, Stefano Cao e Carlo Mapelli come rappresentanti del socio pubblico.

Dopodiché si vedrà come si materializzerà l’impegno dello Stato ad avvicinare i tempi per la presa del 60%, passaggio che però prevede il dissequestro giudiziario degli impianti, da cui dipende l’acquisto da parte di Acciaierie Italia dei rami d'azienda Ilva.

84bcffd6 2921 41d5 bcf8 a12a07ed72f8
Il segretario generale della Fiom Francesca Re David

Anche se secondo alcune fonti l’impegno esplicitato ai sindacati è da leggersi più come un tentativo di Giorgetti di rassicurare le sigle che chiedono risposte urgenti (hanno incalzato il ministro anche sul numero degli esuberi), secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it invece il numero uno del Mise è già alla ricerca di un nuovo amministratore delegato e starebbe già vagliando diversi profili per il dopo-Morselli. Un’impostazione dunque coerente con quanto annunciato a Fiom, Fim e Uilm a cui sarebbe stato riferito anche la sua volontà di liberarsi dell'attuale Ceo.

Infine, c’è chi fa notare come difficilmente gli indiani, che hanno già deconsolidato la partecipazione in AM Italia, si metteranno di traverso a un’accelerazione del cambio di governance.

@andreadeugeni

Commenti
    Tags:
    erx ilvagiancarlo giorgettilucia morsellifranco bernabèfiomfim uilmfrancesca re davidacciaio
    S
    i più visti
    in evidenza
    Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

    Bomba sul suo futuro

    Leotta, indiscrezione clamorosa
    "Pare che Diletta non ha..."


    casa, immobiliare
    motori
    Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

    Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.