A- A+
Economia
F2i accelera nelle tlc: ora vuole Retelit. "Contatti informali". Boom in Borsa

Solo "contatti informali". Retelit, società di servizi dati e infrastrutture per il mercato delle tlc quotata a Piazza Affari, alza il velo sulle fondatezza delle indiscrezioni su un possibile merger con F2i, il principale fondo italiano attivo nelle infrastrutture che mira al ritorno nel business delle telecomunicazioni attraverso 2iFiber, il braccio ad hoc di F2i nel cui capitale c'è anche al 20% il Fondo Marguerite: fondo lussemburghese dedicato a invenstimenti infrastrutturali in Europa.

Dopo aver rilevato Infracom a giugno, aver lanciato l'Opa su Mc-link a fine luglio e raggiunto un accordo per l'acquisto del 90% del capitale di KPNQwest Italia, secondo alcuni rumors F2i starebbe ora ragionando su un possibile merger attraverso un aumento di capitale riservato in Retelit, facendo arrivare il fondo guidato da Renato Ravanelli a detenere una quota di maggioranza della società. Lo scenario, dai tempi non ancora preventivabili, ha messo le ali al titolo Retelit in Borsa, spingendolo fino a 1,498 euro con un rialzo dell'8%.  

Dopo la precisazione, le azioni del gruppo amministrato da Federico Protto hanno ridotto leggermente i rialzi ma si sono mantenute comunque in positivo. I volumi sono già elevati e pari a 6,6 milioni di pezzi, corrispondenti al 4% del capitale. 

In un report di stamattina, Banca Akros  aveva evidenziato la mancanza di chiarezza sui termini dell'eventuale deal. A detta degli analisti finanziari, il  limite principale  sarebbe "la valutazione attuale della società che salvo un aggiornamento del business plan sembra correttamente valutata". La speculazione potrebbe comunque sostenere il  prezzo dell'azione nel breve termine. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
retelitf2ibusiness comunicazioni f2i
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.