A- A+
Economia
Generali, Consob chiede un aggiornamento del patto: la quota sale all'11%

Assicurazioni Generali informa di aver ricevuto ieri una comunicazione da Delfin "relativa ad una integrazione del documento contenente le informazioni essenziali", ai sensi dell'articolo 130 del Regolamento emittenti, riguardanti il Patto parasociale avente ad oggetto le azioni ordinarie della compagnia stipulato tra alcune società del gruppo Caltagirone e la stessa Delfin di Leonardo Del Vecchio.

Quest'ultima ha inviato a Generali una comunicazione sul patto stretto con Caltagirone, aggiornato all'11,068% alla luce dei recenti acquisti realizzati sia dal costruttore romano, ora al 6,066% del capitale, e dal fondatore di Luxottica, arrivato al 5,002%, e integrato, su richiesta della Consob, con le clausole dell'accordo relative all'obbligo di reciproca informazione su ulteriori acquisti azionari e sulla facolta' di terze parti di aderire al patto.

LEGGI ANCHE: Banca Generali, il FT: "Svaluta i bond sanitari colpiti dalla pandemia"

La comunicazione spiega che "l'integrazione delle predette informazioni essenziali è stata richiesta da Consob per sintetizzare anche il contenuto delle clausole - ancorché di natura non interamente parasociale - disciplinanti l'obbligo di reciproca informazione in ordine ad ulteriori acquisti azionari e la facoltà di terze parti di aderire al patto".

La comunicazione precisa che "le informazioni essenziali recano l'indicazione di un maggior numero di azioni sindacate per effetto di acquisti compiuti medio tempore da taluni dei paciscenti".

Le due parti, si legge nel documento Informazioni Essenziali, hanno convenuto "che esse si impegnino a tenersi reciprocamente informate in merito a eventuali acquisti di azioni di Assicurazioni Generali, indipendentemente dalle comunicazioni al mercato richieste dalla legge, e a fare tutto quanto necessario affinchè non sorga in capo alle Parti, congiuntamente o disgiuntamente, l'obbligo di lanciare un'offerta pubblica di acquisto su azioni di Assicurazioni Generali ovvero altri obblighi di natura regolamentare.

LEGGI ANCHE: Generali, Caltagirone compra ancora: lo 0,11% e supera quota 6%

Ove tali obblighi dovessero sorgere in violazione del Patto, è convenuto che le Parti si tengano reciprocamente manlevate ed indenni da qualsiasi danno sofferto a causa del sorgere di tali obblighi" "E' infine convenuto tra le Parti che, ove terze parti intendano aderire successivamente al Patto, ciò sarà possibile solo con il consenso delle Parti e a condizione che la sottoscrizione del Patto da parte dell'aderente e il rispettivo conferimento delle azioni dal medesimo detenute non facciano sorgere in capo ad alcuna Parte o in capo alle Parti nel loro complesso, ai sensi delle applicabili disposizioni di legge e regolamentari, un obbligo di promuovere un'offerta pubblica di acquisto avente a oggetto le azioni di Assicurazioni Generali o richiedere una preventiva autorizzazione alle Autorita' competenti. Per effetto del Patto Parasociale nessun soggetto acquisira' il controllo, di fatto o di diritto, di Assicurazioni Generali".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    generalicaltagironedelfinconsob
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

    Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.