A- A+
Economia
Generali, Delfin-Calta all'attacco di Nagel-Donnet. Patto per cambiare il Ceo

Dopo i segnali lanciati con gli acquisti che li hanno portati poco sopra l’11% del capitale, Francesco Caltagirone (al 6,01%) e Leonardo Del Vecchio (al 4,93%), due degli uomini più ricchi d’Italia, rispettivamente il secondo e il terzo socio privato delle Assicurazioni Generali, lanciano un altro segnale a Mediobanca e al management in quella che comincia ad assumere i contorni della battaglia per il Leone.

alberto nagel caltagirone ape
Francesco Caltagirone e il Ceo di Mediobanca Alberto Nagel

Seguiti dallo studio Erede in una settimana in cui rastrellavano titoli sul mercato, i due azionisti forti della compagnia, che insieme controllano anche il 23% di Piazzetta Cuccia (quota che presto potrebbe salire al 25%), merchant che a sua volta ha il 12,93% del capitale della compagnia triestina, hanno siglato un patto parasociale sul 10,948% del capitale delle Generali per votare in assemblea ad aprile (l'accordo terminerà subito dopo) quando all'ordine del giorno ci sarà il rinnovo delle cariche sociali e puntare a “una più profittevole ed efficace gestione" del colosso delle polizze, attraverso una “modernizzazione tecnologica dell'attività caratteristica, al posizionamento strategico dell'impresa, nonchè alla sua crescita in una logica di mercato aperta, trasparente e contendibile”.

Obiettivi che sono critiche neanche tanto velate alla gestione di Philippe Donnet (che intende ripresentarsi per un altro mandato alla guida della compagnia) e a un controllo di fatto, a detta dei due, a monte di Mediobanca. Nonostante alcune modifiche statutarie sulla governance con l’introduzione nel 2020 dell’opzione “lista del consiglio” per il rinnovo delle cariche sociali, per Caltagirone e Del Vecchio il controllo di Piazzetta Cuccia su Trieste non è mai venuto meno nel tempo, finendo per imbrigliare la crescita ("in una logica di mercato aperto, trasparente e contendibile", sottolineano infatti) del Leone.

WhatsApp Image 2021 06 30 at 18.54.11
Alberto Nagel e il consigliere di Generali Romolo Bardin

Durante i suoi due mandati e dal lancio del suo primo piano industriale a fine novembre 2016, l’assicuratore francese, appoggiato ora dal Ceo di Mediobanca Alberto Nagel, ha portato ottimi risultati in termini di apprezzamento del titolo e di total shareholder return, battendo lo Stoxx di settore e tutti i diretti competitor europei. Risultati che certo non possono far non piacere all'oltre 40% di capitale delle Generali in mano agli investitori istituzionali

Per Caltagirone e Del Vecchio, però, che, anche grazie all'M&A, non vogliono un più radicale cambio di marcia per un ritorno delle Generali "ai vecchi fasti" in cui per crescita dimensionale il Leone primeggiava in Europa davanti al colosso tedesco Allianz e alla rivale francese Axa, si può fare di più.

Con questo patto di consultazione, alla vigilia del confronto fra i grandi azionisti della compagnia per tirare le somme sulla “lista del consiglio” e per decidere chi sarà il prossimo amministratore delegato delle Generali, hanno voluto siglare formalmente la loro alleanza. Questo, mentre qualcuno ancora dubitava che la voglia di discontinuità a Trieste non fosse condivisa e mentre pare che la Consob avesse acceso un faro sul fatto che i due pesi massimi dell'imprenditoria italiana controllano anche un quarto del capitale del gruppo guidato da Alberto Nagel. Il patto è riconducibile a quanto previsto dall'articolo 122 del Tuf, riportano i documenti allegati, riguardo alle pattuizioni rilevanti su "obblighi di preventiva consultazione per l'esercizio del diritto di voto". 

Schermata 2021 09 11 alle 11.29.04
Composizione del capitale sociale delle Assicurazioni Generali (fonte Generali)

GENERALI ASSEMBLEA 039
Da sinistra: Philippe Donnet, Gabriele Galateri e Cristiano Borean,
rispettivamente Ceo, presidente e Cfo delle Generali

Si tratta comunque di un segnale di compattenzza forte al mercato e all'ex Via Filodrammatici, visto che l’idem sentire dei due imprenditori è condiviso anche dai Benetton e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, titolari rispettivamente del 3,97% e dell’1,3% delle Generali. In tutto, circa il 16,5% della compagnia, oltre il 60% dei soci stabili delle Generali che, con Mediobanca, hanno in portafoglio il 27,85% del capitale della compagnia triestina.

Tanto che il patto risulta aperto, sempre in vista di un eventuale scontro in assemblea con più listea quanti non appartenenti al fronte Mediobanca-De Agostini (le famiglie Boroli e Drago azioniste a Trieste con l'1,7% e rappresentate in consiglio da Lorenzo Pellicioli che non dovrebbe far più parte del board nel prossimo triennio) ne condividono la mission (i Benetton sono i principali indiziati speciali)

(Segue: il comitato nomine e la riunione di martedì. Indiscrezioni sul meeting fra consiglieri non esecutivi)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    assicurazioni generalipatto sindacato caltagirone del vecchio generaliphilippe donnetalberto nagelmediobancagabriele galaterileonardo del vecchiofrancesco gaetano caltagirone
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.