A- A+
Economia
Hacker, Italia sotto attacco. Picardi: "Inevitabile, possiamo solo prevenire"

Attacco hacker filorusso, intervista di Affaritaliani.it al top manager Picardi 

“Stati Uniti ed Europa devono avviare insieme immediate contromisure agli attacchi cibernetici attuando una difesa comune coordinata, che è l'unico modo per difendersi sul piano geopolitico globale”. Così Alessandro Picardi, ex Executive vice presidente di Tim, commenta l’attacco rivendicato dal collettivo di hacker filorussi “NoName057” che nella giornata del 22 febbraio ha preso di mira i siti istituzionali del Governo, del ministero della Difesa e del Viminale passando per le piattaforme di banche, carabinieri, Tim e tanti altri ancora.

“Dopo la colazione con i croissants francesi, siamo andati a mangiare una pizza in Italia” hanno scritto gli hacker sul loro canale Telegram annunciando di aver bloccato gli accessi al sito del ministero della Difesa. Il movente? Le armi che l'Italia sta dando all'Ucraina per difendersi dall'aggressione russa. E l’attacco è partito proprio mentre il presidente del Consiglio Giorgia Meloni era ancora in terra ucraina per rendere omaggio alle vittime di Bucha e incontrare il presidente Volodymyr Zelensky.

LEGGI ANCHE: 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attacco hackerguerra ucraina





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.