A- A+
Economia
Lavoro: "Senza Rdc il Pil crolla. L'85% dell'importo serve per fare la spesa"

Lavoro, il dato che il governo Meloni non ha considerato sl Rdc. Ecco come viene speso il sussidio

Il governo Meloni ha deciso di eliminare il reddito di cittadinanza, ma questa decisione potrebbe rivelarsi un boomerang almeno in termini di Pil. Queste le stime fatte da un gruppo di consulenti del lavoro che ha analizzato i dati relativi al sussidio. Nei primi sei mesi del 2023 abbiamo avuto un crollo delle richieste, soltanto 400mila le domande per Il Rdc. I nuclei percettori della prestazione di sostegno sono vertiginosamente calati a 888mila contro l'oltre 1.039.000 di gennaio. Un calo di oltre 151mila nuclei beneficiari per un risparmio da parte delle casse statali di oltre 250 milioni nel solo secondo trimestre 2023 ma che, nello stesso tempo, si traducono in meno soldi introdotti nel mercato economico che avrebbero inciso positivamente sul Pil incrementando la spesa delle famiglie dello 0,1%.

Infatti, secondo un recente sondaggio di Susini Group S.t.P., studio di Firenze leader nella consulenza del lavoro, realizzato su un campione di famiglie beneficiarie del sostegno, è emerso che l'85% del Reddito è utilizzato per fare la spesa (di cui circa il 20% per farmaci e medicinali), il 13% per pagare le bollette e il 2% per acquistare altri servizi o beni. Il calo del Prodotto Interno Lordo italiano non è soltanto causato dai comparti produttivi dell'agricoltura, industria e servizi, rispettivamente diminuiti dell'1,3%, 1,4% e 0,1%, ma anche dal taglio del Reddito di Cittadinanza. Nel secondo trimestre del 2023, il Pil è diminuito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente ed è cresciuto dello 0,4% nei confronti del secondo trimestre del 2022.

Leggi anche: Pnrr, 1200 gare deserte: cantieri edilizi svuotati dalla beffa del Superbonus

Leggi anche: Stabilità, le richieste italiane all'Ue. Spese militari e Pnrr fuori dal Patto

Il dato che dovrebbe far più riflettere, ma a cui nessuno ha dato importanza, è il calo dello 0,3% dei consumi finali nazionali. Nei primi tre mesi dell'anno, l'aumento del PIL era stato trascinato proprio dalla positività dei consumi, dato che si era assestato ad un +0,7% di cui lo 0,3% dovuto all'incremento dei consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali. "Non è difficile capire che il taglio del Reddito di Cittadinanza ha inciso negativamente sul Prodotto Interno Lordo italiano e, sicuramente, lo continuerà a fare in quanto diminuirà ulteriormente il potere d'acquisto. Il Governo - afferma Sandro Susini, consulente del lavoro e fondatore di Susini Group - dovrà mettere in atto delle misure che contrastino la diminuzione del PIL, tenuto conto che il RdC subirà ulteriori tagli".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pilreddito di cittadinanza





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.