A- A+
Economia
Lavoro, perché il sindacato non diventa imprenditore?
(foto Lapresse)

Lavoro, sogno un sindacato "imprenditore"

Chi non ha un lavoro lo cerca disperatamente, chi ce l'ha sciopera (diritto legittimo) per migliorare la propria posizione, chi lo sta perdendo protesta perché, molto spesso, non è responsabile delle possibili o ricercate scusanti quali il decentramento aziendale o per altre motivazioni. A tal proposito sul tavolo del Governo ci sono più di 260 posizioni aperte, con il rischio di chiusure e conseguente perdita del lavoro e dello stipendio. Ho sempre riscontrato che le “lotte” per la sopravvivenza di queste aziende è portato avanti non solo dai dipendenti, ma soprattutto dai sindacati che cercano di tutelare i posti di lavoro.

Oggi, abbiamo una serie di aziende che per i i più disparati motivi non possono o non vogliono parlare con i sindacati o con le maestranze. La proprietà di molte di queste aziende si trovano nella condizione di essere in vendita ad altri imprenditori. Siamo tutti concordi che non è semplice aprire trattative dove in azienda ci sono centinaia di dipendenti che oltre al loro stipendio è necessario accantonare il Trattamento di Fine Rapporto, importi quasi sempre iscritti a bilancio, ma quasi mai accantonati finanziariamente. Allora che fare?

Si potrebbe subentrare alla proprietà, magari in due modi: con l'affitto aziendale (se possibile in toto) oppure acquisendo per intero l'azienda. Ovviamente i soli dipendenti non ce la fanno a fare questi interventi (però qualche volta ci sono riusciti), per lo più onerosi nell'immediato, ma è indispensabile verificare se le banche sono disponibili a finanziare le “nuove proprietà”. Bene il problema, come al solito si riduce alla questione denaro. Domanda chi potrebbe essere in grado di garantire questi finanziamenti? Per una volta vorrei lasciate da parte lo Stato o gli Enti partecipati e coinvolgere direttamente i sindacati. Questi ultimi, a quanto mi risulta, sono proprietari di immobili ed hanno una “buona” reputazione finanziaria.

Altra domanda: perché i sindacati non si uniscono e sostituiscono le vecchie proprietà dirigendo essi stessi le aziende? Qualcuno potrebbe obiettare che non è nella loro natura fare gli “imprenditori”, ma forse non è così, perché se ogni volta che un'azienda è in crisi dicono che con determinati sistemi si può ripartire come e meglio di prima, probabilmente sanno di cosa parlano. Allora, ecco il mio sogno. Se tutti i sindacati abbracciassero questa idea, credo che moltissime situazioni precarie oggi verrebbero risolte in un batter d'occhio. Un'ultima considerazione. Se per caso i sindacati non fossero all'altezza di gestire questi stabilimenti, neanche con il personale interno, possono sempre ricorrere al mercato manageriale dove possono trovare persone con capacità ed esperienza in grado di gestire le complessità aziendali. Chiudo con un proverbio latino: labor omnia vincit –  la fatica (l'impegno) vince ogni cosa.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lavorosindacatisindacato





in evidenza
Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video

Arriva Storie Brevi

Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video


motori
Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.