A- A+
Economia
Lo Stato ridurrà al 51% la partecipazione in Poste Italiane: i dettagli

Lo Stato ridurrà al 51% la partecipazione in Poste Italiane: i dettagli

Nell'ultimo incontro tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze (Mef) e i rappresentanti dei sindacati, emergono novità significative riguardanti il futuro di Poste Italiane. Secondo quanto riferito da fonti sindacali, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) in via di definizione su Poste Italiane introdurrà la possibilità per lo Stato di ridurre la propria partecipazione nel gruppo fino al 51 per cento.

Un cambiamento significativo

La novità rappresenta un cambio di rotta rispetto alla bozza iniziale del decreto, che prevedeva una possibile diminuzione della quota di possesso dello Stato fino al 35 percento, includendo sia le partecipazioni dirette che quelle indirette gestite tramite il Ministero delle Finanze. Attualmente, lo Stato detiene circa il 64% del gruppo Poste Italiane, motivo per cui la disposizione iniziale aveva sollevato non poche discussioni.

Le ragioni di una scelta

Il nuovo orientamento del governo, che vedrà la luce in un decreto atteso entro tre settimane, porta la soglia minima di possesso al 51%. Questa decisione è in linea con le anticipazioni fornite nei giorni scorsi dalla Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e riflette la volontà di mantenere un controllo maggioritario sulle attività di Poste Italiane. Il mantenimento di una quota superiore al 50% assicura allo Stato la possibilità di esercitare un'influenza determinante sulle decisioni strategiche dell'azienda.

Le implicazioni del nuovo Decreto

Questo nuovo orientamento ha suscitato interesse e attenzione da parte di diversi attori sul panorama nazionale, considerando il ruolo cruciale che Poste Italiane riveste non solo come operatore postale, ma anche come player nei settori finanziario e dei servizi. Una partecipazione statale maggioritaria assicura una certa stabilità alla gestione dell'azienda, in un periodo di grandi trasformazioni per il settore postale e logistico, oltre a garantire la continuità dell'approccio agli investimenti e alla qualità del servizio.

La decisione di mantenere una soglia minima del 51% rappresenta dunque un punto di equilibrio tra la necessità di garantire un controllo pubblico sull'ente e l'esigenza di aprirsi a possibili investimenti esterni per favorire lo sviluppo e l'innovazione. Resta da vedere come questa modifica influenzerà le strategie future di Poste Italiane e quali saranno le reazioni del mercato e delle altre parti interessate.






in evidenza
Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice

L'influencer di nuovo in tribunale

Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice


motori
Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.